I “tubi” vincitori di “E tu che donatore sei”?

Venerdì 23 marzo a Mestre le premiazioni dei sei vincitori provenienti da tutta Italia

È arrivato il momento di tirare le somme per chi ha ideato e sostenuto il progetto “E tu che donatore sei” dei giovani dell’Avis Provinciale di Venezia affiancati da Avis Veneto. I risultati sono più che lusinghieri e premiano chi ha lavorato con costanza e convinzione in questa nuova iniziativa. Prima di tutto.. onore ai vincitori! Questi i primi tre classificati con le votazioni del popolo di internet:

Il podio del "popolo" di internet

Naparte Studio

Pakymen

Gocciolini

Altri tre video verranno però premiati accanto a questi e sono quelli che hanno ottenuto il punteggio più alto dalla giuria di qualità; volontari e dirigenti avisini si sono impegnati a valutare la qualità dei video e il messaggio trasmesso, questa la classifica:

Genisteo

Tris81

Sliding Theory

Questi sei video sono risultati quelli più votati ma tutti i 23 partecipanti meritano una menzione per l’impegno e l’inventiva che traspare dai loro lavori; 23 giovani o gruppi di giovani provenienti da tutta Italia. Youtube, facebook, internet, strumenti che raggiungono ovunque e che amplificano fortemente il messaggio avisino: 62440 le visualizzazioni totali del canale youtube dedicato (https://www.youtube.com/user/etuchedonatoresei#g/u). 44600 sono state solo quelle del video dei Nirkiop, i nostri primi sostenitori.

Il podio della Giuria di qualità

Il Contest infatti ha avuto il sostegno di tanti famosi youtubers che gratuitamente hanno promosso e divulgato la nostra iniziativa creando video fuori concorso e promuovendo l’Associazione anche sui loro canali. Questo tramite anche il prezioso intervento del project manager Leonardo Pavanello e dell’Agenzia ShowReel di Milano, Il progetto ha visto anche la realizzazione di una pagina Facebook dedicata (https://www.facebook.com/#!/AVIS.ETuCheDonatoreSei). Superato il traguardo dei 900 fan – il 900° è stato premiato con una maglietta realizzata per il Contest – adesso si punta a quota mille.

Il gruppo dei Nirkiop, grandi testimonial

Pensate che sia finita qui? Vi sbagliate di grosso. I volontari cercano ogni modo per raggiungere i nuovi possibili donatori, allora perché non sfruttare l’inventiva e la creatività anche in un altro modo? È già partito infatti un mini contest fra gli youtubers più famosi che stanno realizzando in questi giorni dei corti di 10 secondi; quello che verrà ritenuto più adatto sarà proiettato nei cinema della Provincia di Venezia e forse anche della regione! Adesso ci aspetta la serata finale che sarà ospitata dal locale “AI Beerbanti” di Mestre venerdì 23 marzo alle 21 e vedrà la premiazione dei vincitori e la proiezione di tutti i video.Una piccola considerazione finale; il lavoro è stato tanto, l’impegno di alcuni volontari costante e a volte faticoso ma i risultati ci sono, anche con un limitato uso di risorse economiche.. la volontà e l’innovazione a volte possono molto!

Tutte le foto della serata delle premiazioni a Mestre sulla pagina facebook di Dono&Vita https://www.facebook.com/media/set/?set=a.321845817875499.76218.160306140696135&type=1

Manuela Fossa

 

Mestre: 2011 “in recessione”

Il 2011 si è confermato anno di lieve “recessione” per l’Avis Mestre-Marghera: nell’ultimo trimestre infatti non si è verificata la sperata inversione di tendenza rispetto ai primi nove mesi, che già avevano destato un po’ di preoccupazione. I donatori attivi sono diminuiti dello 0,2% rispetto al 2010 (da 4.691 a 4.681), mentre le donazioni dell’1,5% (da 7.991 a 7.871); leggermente in calo anche l’indice di donazioni pro capite, passato da 1,71 a 1,68. Questi dati sono stati comunicati in occasione dell’assemblea generale dello scorso 12 febbraio, momento di riflessioni sull’anno passato e soprattutto sul futuro dell’associazione, anche in vista del rinnovo delle cariche.

“Non bisogna abbassare la guardia – ha commentato il presidente Roberto Cerruti – Stiamo entrando nell’ultimo anno di mandato e dobbiamo raddoppiare gli sforzi alla ricerca di nuove idee, per recuperare il terreno perduto e lasciare la miglior situazione possibile a chi ci seguirà”.

Quali sono quindi gli ambiti in cui investire? Da un lato, vanno potenziate e differenziate le attività di sensibilizzazione, proseguendo lungo i percorsi già intrapresi: stand informativi in manifestazioni locali, iniziative presso le scuole (che nel 2011 hanno coinvolto 1.800 studenti), organizzazione di visite di idoneità e donazioni “di gruppo”, contatti con le associazioni di “nuovi cittadini”, collaborazioni con i medici di base, reclutamento di giovani donatori nei loro luoghi di aggregazione. Dall’altro, vanno migliorati il servizio di chiamata e la comunicazione con i soci: sta partendo la chiamata via email e in futuro si lavorerà per attivare quella via sms, in modo da utilizzare per ogni socio lo strumento più adeguato alle sue esigenze. Di recente le attività associative sono state promosse tra i soci anche via email, nonché tramite il sito e la pagina Facebook della comunale (Avis MestreMarghera), che conta oltre 1.200 amici.

Il ruolo dei soci nella promozione del dono è infatti fondamentale, come ha spiegato Cerruti: “Abbiamo bisogno che chi dona diventi parte attiva dell’associazione, diventando collaboratore o anche solo ambasciatore del dono. Se ciascuno di noi portasse un nuovo donatore, supereremmo quota 9.000 donatori; se donassimo una volta in più all’anno, arriveremmo a 12.000 donazioni. È un traguardo irraggiungibile? Sicuramente è sfidante”. Una sfida resa più ardua dal momento di crisi che stiamo attraversando: “Forse molti temono per il proprio posto di lavoro – ha ipotizzato il Presidente – e sono meno propensi a chiedere un permesso per donare. Se il problema è questo, bisogna trovare il modo di comunicare ai datori di lavoro, soprattutto delle piccole medie aziende, le necessità dei malati e studiare con loro delle soluzioni”.

L’inizio del 2012 intanto non è stato dei più rosei, probabilmente anche per il picco influenzale; c’è quindi bisogno del contributo di tutti per invertire il trend e riportare la raccolta a livelli adeguati ai crescenti consumi.

I love Avis: il calendario 2012 di Avis Mestre-Marghera

Il Gruppo giovani dell’Avis Mestre-Marghera e gli studenti dell’Istituto Mozzoni hanno bissato la collaborazione dell’anno scorso per progettare e realizzare il calendario 2012. In questa edizione il fil rouge è una serie di dodici aforismi legati ad altrettanti concetti ispirati dall’Avis, individuati dal Gruppo giovani: orgoglio, coraggio, responsabilità, curiosità, sfida… Agli studenti è stato affidato il compito di tradurre gli aforismi in immagini e di realizzarle, nonché di comporre il calendario vero e proprio. Le copie sono in distribuzione presso la sede dell’Avis e il Centro raccolta presso l’Ospedale dell’Angelo.

Avis Burano, campioni di solidarietà… e arte culinaria

Oltre 50 mila euro raccolti in 38 anni, in parte devoluti in beneficenza a persone e associazioni locali in difficoltà, in parte utilizzati per progetti associativi. Questi i notevoli risultati della “Giornata della solidarietà”, ideata e organizzata annualmente dall’Avis di Burano; la manifestazione si è svolta domenica 18 settembre in occasione della regata di Burano in piazza Galuppi. Allo stand gastronomico, aperto dalle 8 alle 15, erano 15 i cuochi impegnati nella preparazione del pesce “rosto” e fritto: seppie, calamari, sarde e spiedoni di mazzancolle, la vera specialità del gruppo, accompagnati da 50 kg di polenta.

Polentona... buranese

Festival dei sosia d’Italia nel nordest

Il camper fa promozione

Il festival dei sosia è un’esibizione canora nella quale si cimentano i sosia dei cantanti famosi provenienti da ogni parte d’Italia. Si tratta di cantanti non professionisti che, tuttavia, in virtù dell’impegno costante che dedicano nell’imitazione dei loro beniamini, riescono a raggiungere livelli di alta qualità. Senza considerare l’innata somiglianza con i cantanti famosi, esaltata da un sapiente trucco, che rende lo spettacolo unico nel suo genere, dando allo spettatore l’impressione di assistere ad un evento straordinario in cui tutti i cantanti più famosi si uniscono per dare vita ad un unico concerto.

Grazie alla mediazione di Ervino Drigo, patron della manifestazione nonché presidente dell’Avis di Bibione, le Avis del mandamento di Portogruaro, per il secondo anno consecutivo, sono riuscite ad entrare nella manifestazione partecipando alle tre serate finali che si sono svolte il 21-22-23 luglio, rispettivamente a Caorle, Portogruaro e Bibione.

Non capita tutti i giorni di sentire i vari Vasco Rossi, Ramazzotti, Mina, Zucchero, Madonna, Bocelli ecc. proclamare che “La vita è un dono. Donala agli altri!”, con l’invito a recarsi al più vicino Centro trasfusionale per diventare donatore di sangue. E poco importa se non si trattava dei veri personaggi famosi ma dei loro sosia.

Molto attenti nel promuovere il dono del sangue sono stati anche i due presentatori della kermes: Stefania Falanga e Moreno Morello, affiancati in ogni serata da un responsabile Avis.

Infaticabili sono stati i volontari delle Avis del mandamento di Portogruaro, presenti a tutte e tre le serate, sempre pronti a distribuire gadget e il nuovo volantino preparato per la manifestazione, e il presidente provinciale Maurizio Borsetto che ha condotto la nuova autoemoteca in tutte le tappe toccate dalla manifestazione.

Un'immagine della serata

Promuovere la donazione è sempre importante, ma d’estate lo è in modo particolare perché, con le ferie dei donatori, le scorte di sangue rischiano di diventare carenti. Manifestazioni come il festival dei sosia, che mediamente ha raccolto 600/700 persone a serata, aiutano l’Avis a mantenere alta l’attenzione sul dono del sangue perché i malati, purtroppo, non vanno mai in ferie e le buone azioni non si fanno solo a Natale: donare sangue in estate è ancora più importante!

Dario Piccolo

Avis e Cartoon, accoppiata vincente!

Serata rossa per l’Avis Mestre Marghera lunedì 8 luglio al Marghera Estate Village, la frequentatissima manifestazione veneziana. E una gran folla di persone, in gran parte giovani, ha partecipato alla serata che vedeva come protagonisti La Mente di Tetsuya, grande band che suona e interpreta in maniera originale le mitiche sigle dei cartoni animati giapponesi.

La Comunale e il Gruppo giovani hanno allestito con bandierine e striscioni Avis l’area del Village, marchiando la serata in maniera indelebile e salendo sul palco per promuovere la donazione e sensibilizzare la cittadinanza sulla necessità di sangue.

Molto apprezzato e partecipato il quizzone, gioco a quiz con domande sul dono del sangue con in palio magliette de La Mente di Tetsuya generosamente offerte dai ragazzi della band. Un modo originale e non scontato di avvicinare i giovani al mondo della donazione, mentre al gazebo altri volontari distribuivano gadget e davano informazioni più dettagliate, supportati anche da video promozionali che giravano su uno schermo al bancone.

Manuela Fossa

Dati ufficiali 1° semestre: i consumi aumentano del doppio rispetto a aumento raccolta

I dati del sistema trasfusionale veneto nel primo semestre 2011 confermano il trend negativo: la raccolta di globuli rossi cala del 0,7% e i consumi aumentano dell’1,4% con un disavanzo relativo di 668 sacche. Non si segnalano emergenze ma rimane la preoccupazione per una situazione che non accenna ad invertirsi. In alcuni Dipartimenti, se il trend di raccolta non migliora,  si ipotizza di spostare gli interventi chirurgici programmabili a dopo l’estate!

Sul piano regionale qualcosa si muove. Le ultime settimane di Luglio sono state caratterizzate da due incontri importanti: quello con l’Assessore regionale alle Politiche sanitarie dott. Luca Coletto e quella con il Segretario regionale alla Sanità dott. Domenico Mantoan. Si è trattato, in entrambi i casi,  di incontri molto positivi: abbiamo avuto un franco e approfondito confronto e si sono delineate chiaramente le linee d’azione per il prossimo futuro.

L'assessore regionale Luca Coletto

L’Assessore Coletto ci ha confermato la volontà politica di continuare nel percorso di attuazione del IV Piano Sangue Regionale e di intervenire direttamente per facilitare la soluzione delle principali criticità. Ha anche assicurato che il nuovo Piano Sanitario Regionale vedrà confermate le scelte già fatte per il sistema trasfusionale e garantito il mantenimento dei sette dipartimenti trasfusionali provinciali.

Il dott. Mantoan,  nell’incontro con le Associazioni e con i Direttori di Dipartimento, ha affrontato specificatamente le criticità relative alla gestione del personale. Le conclusioni sono state positive e riguardano:

– il turn over del personale che viene garantito (anche se diminuiranno i primariati),

– il nuovo personale verrà assunto tutto dall’Azienda sanitaria capofila del Dipartimento facilitando così la sua gestione,

Domenico Mantoan, responsabile Segreteria regionale Sanità

– l’utilizzo delle risorse per l’acquisto di prestazioni aggiuntive (straordinari) sarà concesso per coprire i turni di reperibilità e le aperture festive,

– i fondi destinati al sistema non verranno interessati dai tagli del bilancio regionale.

Si tratta di decisioni già prese che dovranno essere ora attuate e che possono modificare positivamente l’efficienza del sistema trasfusionale veneto.

Inoltre, ci sono delle novità per il Dipartimento  trasfusionale di Venezia dove si sta andando verso la sostituzione, almeno temporanea, del personale mancante nell’Ulss 13 e sembra profilarsi una soluzione anche per il recupero, almeno parziale,  dei rimborsi  associativi.

Come si può comprendere non abbiamo ancora nulla di concreto in mano, ma il percorso sembra essere ripreso. L’Associazione continuerà a vigilare e a lavorare perché le premesse e le promesse si realizzino.

Rimane per tutti noi donatori l’impegno di raggiungere comunque  l’obiettivo prefissato di crescita della raccolta e la differenza la potremmo fare proprio in questi mesi estivi: intensificando la chiamata e l’attività di sensibilizzazione.

Rinnoviamo l’appello ad andare a donare prima, ma anche durante,  le ferie! Il sangue per i nostri ammalati non può mancare.

Alberto Argentoni, presidente regionale Avis Veneto

 

La “Traviata” con l’Avis di Villorba

Come da tradizione, l’Avis di Villorba  si è recata con avisini e simpatizzanti all’Arena di Verona. Quest’anno hanno assistito all’opera di Giuseppe Verdi  “La Traviata”. Complice la splendida serata e il luogo incantevole, i partecipanti hanno potuto vivere momenti emozionanti insieme, tipici di questi eventi e dello spirito avisino.

I partecipanti alla serata all'Arena di Verona

Forum nazionale giovani fra “radioweb” e Avis “virtuali”

Quasi 200 ragazzi, provenienti dalle Avis di tutta Italia, si sono dati appuntamento il 19 e 20 febbraio a Casalnuovo di Napoli per il forum dei giovani dal titolo “Panta Rei… di flusso in flusso. L’ABC della donazione”. Una sorpresa, tra i saluti delle autorità, è stato il video messaggio del Ministro per le politiche giovanili Giorgia Meloni. Da tempo sensibile al tema del dono, ha espresso vicinanza e sostegno alle iniziative dei giovani avisini, anche alla luce del protocollo d’intesa recentemente siglato

Un momento del Forum di Napoli


tra Avis nazionale e il Ministero della Gioventù per la compartecipazione e il sostegno a futuri progetti su promozione del dono e cittadinanza attiva, volti alle nuove generazioni. Qualità, sicurezza, appropriatezza e buon uso del sangue sono gli argomenti affrontati grazie alle relazioni del presidente nazionale, Vincenzo Saturni e del coordinatore del Sistema trasfusionale del Friuli Venezia Giulia Vincenzo De Angelis, che hanno illustrato il percorso del sangue donato, dalla ricerca di nuovi donatori fino alla lavorazione di emocomponenti, illustrando anche le normative italiane ed europee che regolano il settore trasfusionale. Al termine degli interventi, i giovani partecipanti, tra i quali anche alcuni ragazzi veneti, sono stati suddivisi in 8 gruppi di lavoro, nei quali hanno avuto la possibilità di condividere le esperienze e le attività che svolgono in collaborazione con i Centri trasfusionali delle zone di appartenenza. Attraverso l’analisi di precisi casi di studio (diversi per tipologia di territorio, popolazione, donatori, fabbisogno…), ogni gruppo ha costituito un’Avis virtuale che aveva il compito di fronteggiare le varie problematiche legate alla carenza o all’esubero di emazie attraverso progetti e campagne, attività che ogni Avis deve essere in grado di svolgere. Un tema senza dubbio difficile, affrontato in maniera approfondita e tecnica, al quale i ragazzi non si sono tirati indietro, ma che hanno anzi affrontato con molta serietà ed entusiasmo. Noi, come Esecutivo giovani, l’abbiamo fortemente voluto, per far sì che la dirigenza futura sia sempre più specializzata e formata, non solo sotto il punto di vista della comunicazione e della promozione, ma anche di quegli aspetti associativi che sono alla base del funzionamento delle Avis comunali. Speriamo che l’attuale dirigenza possa così valorizzare e gratificare questo lavoro, dando il giusto spazio a questi ragazzi all’interno dei consigli. Un ringraziamento sentito a tutti i partecipanti, che ancora una volta sono andati a casa entusiasti e pieni di voglia di lavorare, agli organizzatori tutti per gli sforzi logistici e ad Avis nazionale che tramite la vicepresidente, Rina Latu, in conclusione dei lavori ci ha ricordato quanto i giovani siano importanti per la crescita dell’Associazione e ci esorta a non mollare e a credere sempre nel nostro operato. Tra le novità del Forum, le prove tecniche della web radio “Sivà… preparàti fisicamente”, progetto fondamentale per la comunicazione e la visibilità all’esterno di Avis, nato da un’idea di Raffaele Raguso e Monica Fusaro della Consulta nazionale e che vedrà il suo esordio ufficiale all’Assemblea nazionale di Bergamo. Inutile dire che siamo orgogliosi di lavorare con questi ragazzi e di imparare assieme a loro la grandezza dello spirito avisino. Tutto il materiale, dal videomessaggio del Ministro Meloni alle slide dei relatori e le restituzioni dei lavori dei gruppi sono on-line nella sezione eventi dell’area giovani del sito www.avis.it.

Lucia Del Sole

Inizia a Donare per salvare una VitaDona su AvisVeneto.it