Avis e Calcio Cavarzere, un sodalizio sempre più stretto per promuovere il dono del sangue fra giovani e atleti

Continua il rapporto di collaborazione-propaganda tra l’Avis comunale “G. GUARNIERI” di Cavarzere e Cona  e la Società di calcio A.S.D. Calcio Cavarzere che si rinnova anche quest’anno tramite la donazione di 150 kit per allenamento distribuiti a tutti gli iscritti dai pulcini e fino alla prima squadra che milita nel campionato di prima categoria girone D Veneto.

L’obiettivo, come riportato nella lettera di accompagnamento che il Presidente della sezione Paco Massaro ha inserito nella confezione, è quello di fare entrare nelle famiglie il messaggio di solidarietà della donazione  intesa come regalo di vita a chi si trova nelle condizioni di bisogno.  Nella giornata del 1° ottobre il Presidente ha provveduto personalmente alla consegna del kit ai ragazzi dell’attività di base mentre, precedentemente,  era stato il Presidente Onorario Cav. Luigi Sturaro a consegnarla alle squadre che fanno attività agonistica. Lo scorso anno la collaborazione si era concretizzata con la donazione di una muta di maglie da gioco che la squadra allievi continua a sfoggiare con orgoglio  durante le gare  del campionato regionale che si svolge nei campi delle province di Venezia, Padova, Rovigo, Vicenza, Verona e che trova sempre parole di apprezzamento da parte del pubblico che assiste alle gare. Trovare un modo nuovo, utile, incisivo, per raggiungere con un messaggio i potenziali  donatori è l’obiettivo della promozione sportiva. La speranza è che con la collaborazione dei bambini che già nelle scuole seguono attività di propaganda,  futuri donatori del domani, si possa fare breccia  nell’animo degli adulti  per cercare di sopperire a una esigenza sanitaria che trova sostegno solo nel volontariato. La donazione è un gesto di generosità verso un ignoto prossimo, il modo di condividere se stessi con un altro. Questo il  messaggio che si vuole dare,  restando vicini al mondo dei bambini e alle loro famiglie con l’obiettivo di scrollarsi di dosso false paure per proiettarsi in un domani più sereno e sicuro per tutti.

Il presidente Avis Cavarzere, Paco Massaro, consegna le maglie ai giocatori.
E le tute…
Il presidente onorario Avis Cavarzere, Luigi Sturaro con i presidente del Calcio Cavarzere Giuseppe Marchesin.

 

Avis Due Carrare, un 45° con tre presidenti (nazionale, regionale, provinciale) e… monumento.

In occasione della 45° Festa sociale dei donatori del territorio di Due Carrare (Padova), domenica 22 ottobre è stato inaugurato un monumento intitolato GOCCIA DI VITA. Per l’occasione hanno voluto essere presenti: il Presidente Nazionale Avis  Alberto Argentoni, il Presidente Regionale Giorgio Brunello, il Presidente Provinciale di Padova Luca Marcon.

Pietro Barison, presidente locale, nell’occasione ha voluto ringraziare il Sindaco Davide Moro che ha fortemente voluto abbellire lo spazio davanti la scuola elementare, adiacente alle Scuole Medie del Comune, con un manufatto ideato dell’Arch. Eginardo Bezze, con il contributo fondamentale del’officina Fratelli Tondello e la collaborazione della ditta Fratelli Antonello Prefabbricati.

L’opera, che ha trovato sponsor (che hanno sostenuto buona parte della spesa) e artigiani locali che hanno dato una “mano” è la rappresentazione di una goccia di sangue in ferro zincato colorato di rosso, con base in cemento, di circa 2 metri. Lo spazio, adiacente alle scuole del capoluogo, vuole ricordare l’attività svolta dai circa 200 donatori di Due Carrare, ma anche  incentivare i giovani a questo prezioso gesto di altruismo e solidarietà.

“Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma l’oceano senza quella goccia sarebbe più piccolo” diceva la santa Madre Teresa di Calcutta che aggiungeva anche  “più ci saranno gocce d’acqua pulita, più il mondo risplenderà di bellezza”.

Insomma: un mondo meno brutto ma più pacifico, solidale e più pulito grazie alla spinta dei più piccoli che sono il nostro futuro. Questo è il messaggio simbolico che vuole mandare il monumento, in questo luogo di incontro e di studio.

Molti soci, labari e pubblico per l’iniziativa. La Festa è poi continuata con le tradizionali premiazioni ai donatori. Un 45° da ricordare.

Home Festival: giovani avisini in prima linea

Dopo l’esordio del 30 agosto con Max Gazzè, i Los Massadores e tanti altri, una seconda serata dai toni internazionali ha animato l’Home Festival di Treviso e fatto ballare anche i volontari dell’Avis!

A calcare il palco sono tornati i Duran Duran, idoli degli Anni Ottanta, più scatenati che mai, richiamando fan non solo dal territorio nazionale, ma anche del resto d’Europa, Inghilterra e Germania in testa. Qualcuno è arrivato persino dagli Stati Uniti e si è fermato…allo stand del Gruppo Giovani Avis.

Jacopo da Morgano, Riccardo da Mogliano Veneto, Angela neo presidente dell’Avis di Piazzola sul Brenta e Mattia dalla Comunale di Campo San Martino (Pd), hanno informato e accolto sia neo donatori che veterani che persone interessate alla donazione e a voler spendere un po’ del proprio tempo per aiutare il prossimo. Un modo di lavorare sinergico e in rete che si sta dimostrando sempre più efficace.

I ragazzi dell’Avis saranno all’Home Festival fino al 3 settembre.

45ª Assemblea regionale Avis Veneto. Dal plasma, al lavoro, all’etica del volontariato, alla ricerca.

Si è svolta, presso l’hotel Crown Plaza di Padova, la 45ª assemblea regionale dell’Avis Veneto. Nel pomeriggio l’intervento del presidente nazionale Vincenzo Saturni, che sta tenendo ai delegati (in rappresentanza degli oltre 130mila donatori del Veneto) una vera e proppria “lectio magistralis” sull’etica del volontariato e del volontariato del sangue in particolare. La mattinata si è aperta con la relazione morale del presidente regionale Gino Foffano, coadiuvato dai componenti del suo esecutivo e dai responsabili delle varie aree operative.

Particolare soddisfazione è stata espressa in merito ai dati donazionali dell’anno 2015 che ha visto il Veneto, grazie anche all’apporto di tutte le Avis che complessivamente hanno fatto registrare un incremento dell’1,09%, far fronte a tutte le necessità trasfusionali dei propri ammalati, Sia nel campo delle emazie (globuli rossi), sia come plasma e piastrine i donatori del Veneto hanno raggiunto e superato gli obiettivi di raccolta stabiliti dalla Regione Veneto. Questo anche nel campo dell’apporto all’autosufficienza nazionale con l’invio di sacche di sangue nelle regioni carenti.

In mattinata è stato firmato un importante protocollo di intesa fra la Cisl regionale e l’Avis regionale per la promozione del dono del sangue nei luoghi di lavoro (vedi approfondimento).

Importante anche l’intervento del Prof. Giampaolo Parnigotto, presidente della Fondazione Tes cha ha comunicato come le ricerche in corso nel campo delle cellule staminali un importante progetto per la cura delle complicanze articolari emofiliche sia stato pubblicato su un’importante rivista scientifica internazionale (vedi approfondimento).

Sempre nel pomeriggio, dopo l’intervento di Vincenzo Saturni, Bernardino Spaliviero – coordinatore del Comitato medico di Avis nazionale – e il dottor Antonio Breda, direttore del CRAT (Coordinamento regionale attività trasfusionali) hanno illustrato tutta la filiera del plasma e plasmaderivati. In particolare è stato illustrato, all’interno del NAIP (Nuovo accordo Interregionale Plasma), il risultato della gara di appalto per la lavorazione del plasma Veneto e delle regioni aderenti all’Accordo. Tre le aziende farmaceutiche che hanno presentato offerte: Kedrion (Italia, Lucca), Grifols (Barcellona, Spagna) e CLS Behring. La trasformazione del plasma in farmaci plasmaderivati per i prossimi 5 anni è stato affidato a quest’ultima azienda che ha lo stabilimento di trasformazione a Berna, in Svizzera. Il dottor Breda, in particolare, ha sottolineato come la gara di aggiudicazione sia stata svolta in una trasparenza totale. Tutta la documentazione è disponibile al seguente link: Regione Veneto

L’assemblea si chiude con l’intervento dei presidenti delle Avis provinciali a nome delle proprie delegazioni.

DSC_4954 DSC_4963 DSC_4974 DSC_5001 DSC_5036

 

Fund raising & Avis. Quattro incontri di formazione a Padova

Il 7 FEBBRAIO 2015 si svolgerà a Padova il primo incontro del “PERCORSO DI FORMAZIONE e attivazione di gruppi di lavoro sulla RACCOLTA FONDI (fundraising)” dedicato a: “Principi e tecniche del fundraising. Dalla raccolta fondi improvvisata alla raccolta fondi organizzata”. Tutti gli avisini impegnati nelle rispettive Avis possono iscriversi entro il 23 gennaio. Per maggiori informazioni: info@avisveneto.it oppure formazione@avisveneto.it.

Il Corso prevede 4 incontri di 4 ore ciascuno che si svolgeranno da febbraio a marzo ogni 15 giorni È previsto un numero massimo di partecipanti: 40.

Il secondo incontro, quindi, si svolgerà sabato 21 febbraio e parlerà di: “Piano di raccolta fondi. Un laboratorio intensivo per costruire passo passo il piano di raccolta fondi della nostra organizzazione”.

Terzo incontro, sabato 7 marzo: “Raccogliere contatti. Come andare oltre al giro degli amici e dei parenti e aprire nuovi orizzonti?”

Quarto incontro, sabato 21 marzo: “Comunicazione e marketing. La cassetta degli attrezzi minima e uno sguardo sul web”.

10911372_10204719072370334_6579431913900964919_o

Nuovo Gruppo Giovani Regionale: il Forum a Mestre il 16-17 novembre

Conclusa da pochissimo la prima riuniGruppoGiovaniRegionaleone del rinnovato Gruppo Giovani Regionale. Eccola qui in tutta la sua frizzante freschezza la nuova scuderia del Gruppo, capitanata da Federico Marangoni. Si è riunita, per la prima volta, presso la sede Provinciale dell’Avis di Padova. Erano presenti per la Provincia di Verona Kevin Costa e Alice Rossetto; per Treviso Elena Cappelletto, Ivano Cavallin e Lorenza Zuglian; per Venezia (ideale passaggio di consegne) Manuela Fossa e Dario Piccolo; per Padova il Gruppo Provinciale quasi al completo: Elena Savio, Emanuela Sartori, Anna Telatin, Nicola De Tranquilli, Matteo Coletto e la sottoscritta. Alla riunione immancabile Francesco Joppi, “giovane” tra i giovani. Prima sfida del gruppo neo formato sarà il Forum Interregionale, la cui ideazione era già stata avviata dal precedente Gruppo Giovani Regionale. Quest’anno verrà ospitato a Mestre il 16-17 novembre. I temi, a grandi linee, saranno l’accoglienza del donatore in una realtà Avis e, su proposta di Federico, la comunicazione e l’informazione associativa più “allargata” verso i soci. Anche con prove “pratiche” impareremo come nasce e si realizza un giornale (cartaceo e web). Molte saranno le sorprese che attendono i partecipanti (che attendiamo numerosi) al Forum. Sarà come sempre un momento d’incontro dove poter esprimere le proprie capacità sotto forma di un progetto concreto e attuabile. Non ci resta quindi che invitare tutti a partecipare al Forum e anche a dare il contributo al Gruppo. Fatevi avanti! Di sedie attorno al tavolo se ne possono aggiungere ancora molte e di idee fresche non ce n’è mai abbastanza.

Gloria Mercurio 

Si rinnova il Gruppo Giovani di Avis Provinciale Padova

E si riparte con molte novità e iniziative

 

Si rinnova il Gruppo Giovani dell’Avis provinciale di Padova. Si sono ritrovati vecchi e nuovi componenti per affrontare il prossimo mandato associativo e, dopo l’uscita di Marco Menin, sono stata nominata quale nuova referente. Il gruppo è formato da giovani provenienti da varie Comunali della provincia: Camposampiero, Montagnana, Teolo, Torreglia, Abano, Cittadella, Padova, Saonara, Veggiano e Massanzago. “I giovani sono il presente, non il futuro di Avis, perché in futuro saranno già vecchi” ha di recente esordito il presidente di Avis nazionale, Vincenzo Saturni, in merito al tema dell’integrazione dei giovani nelle realtà associative.

Il nuovo Gruppo giovani della Provinciale

Durante l’incontro del Gruppo Giovani di Padova, si è parlato di formazione, della necessità di essere partecipi della vita associativa e in grado fornire risposte ai problemi in modo cosciente. I giovani ci sono e sono in grado di assumersi responsabilità importanti, hanno tutta la voglia di collaborare con i senior, al fine di creare un’associazione che riveda, sotto un’unica bandiera, uniti, gli ideali vecchi e nuovi, in modo da proiettare l’associazione nel futuro. Durante l’incontro sono state poste le basi per una collaborazione partecipata, un lavoro di squadra, che speriamo duri a lungo e che porti i suoi frutti. Tante sono state le idee convogliate nell’espressione di due progetti, a partire da una Campagna estiva- propaganda pubblicitaria per la sensibilizzazione alla donazione di sangue.

Gloria
E la nuova coordinarice Gloria Mercurio

Sappiamo che durante i mesi più caldi i donatori sembrano quasi dimenticarsi dei malati, troppo presi dall’entusiasmo delle belle giornate e delle meritate vacanze; ma il nostro servizio continua ed è nostro dovere civico proteggere e sostenere chi è in difficoltà. L’altro progetto in cui convoglieranno le idee dei giovani è l’organizzazione di una giornata formativasui temi quali la donazione di sangue e la partecipazione alla vita associativa. Come responsabile giovani, mi sento di esprimere un gran entusiasmo per l’avventura appena iniziata, sicura che durante il nostro percorso altri giovani si aggregheranno. Ragazzi facciamoci sentire perché, come direbbe una nota pubblicità “Noi valiamo!”. Per tutti l’invito è di scriversi attraverso la nostra mail: giovani.provincialepadova@avis.it.

 Gloria Mercurio

Party con Avis, la “notte rossa” a Vigonza

Si chiama “La notte rossa-Avis Party, Party con Avis”, l’iniziativa organizzata dal gruppo Giovani Avis provinciale Padova, in collaborazione con la Comunale di Vigonza. La serata, tenutasi il 22 giugno è stata ricca di eventi, con musica spettacolo con i dj di Radio Company, che hanno animato il centro cittadino di Vigonza. E’ stata un’occasione per accendere i riflettori sulla raccolta di sangue, soprattutto in un periodo, quello estivo, in cui c’è meno attenzione alle problematiche della donazione.

Andrea Giora

        

Incontro con Tes a Cittadella

Interessante momento informativo sulle straordinarie frontiere aperte dalla ricerca scientifica e in particolare dalla Fondazione Tes, di cui Avis è partner, il 7 giugno, presso il Patronato di Cittadella. L’incontro, dal titolo “Sangue periferico: nuova risorsa per la rigenerazione tissutale”, è stato organizzato dall’Avis comunale ed ha visto la partecipazione della dr.ssa Rosa Di Liddo dell’Università degli Studi di Padova, della dr.ssa Silvia Barbon e del presidente della Fondazione Tes, l’instancabile prof Pier Paolo Parnigotto. Una serata di alto spessore e di grande interesse per tutti.

INCONTRO CON LA FONDAZIONE TES A CITTADELLA

in 250 da Padova al Tempio del Donatore

Dopo la pausa del 2012, è ripreso il tradizionale appuntamento delle Comunali della provincia di Padova, con la visita al Tempio del Donatore.

Lo scorso 14 luglio hanno partecipato circa 250 persone provenienti dalle Avis del territorio. Alle ore 12.00 in punto, dopo la celebrazione religiosa, si è svolto il pranzo (presso la tensostruttura) organizzato dai volontari e poi visite guidate per i vari gruppi, nelle località di maggior interesse della Pedemontana.

Inizia a Donare per salvare una VitaDona su AvisVeneto.it