Calcio a 7 memorial “Zarpellon” a Bassano vince il Trentino ai rigori

È il Trentino-Borgo Valsugana-Tesino ad aggiudicarsi il 7° Torneo interregionale Avis-Forze Armate, organizzato da Avis regionale Veneto (con la poderosa collaborazione dell’Avis Comunale SantaCroce-Bassano), che quest’anno si svolto in terra vicentina. La giovane squadra trentina si è imposta in finale (ma solo ai rigori) sui campioni uscenti della Comunale di Venezia che avevano vinto la scorsa edizione. A premiare i neo campioni il sindaco di Bassano Riccardo Poletto (de sempre donatore Avis, Admo e Aido) che ha voluto sottolineare come il Comune di Bassano sia stato uno dei primi del Veneto a introdurre l’assenso alla donazione di organi e tessuti tramite il rinnovo della Carta d’Identità.

Il Torneo dedicato alla memoria di Giuseppe Zarpellon, primo presidente dell’Avis Bassano scomparso un paio d’anni fa, rientrava nelle manifestazioni per la giornata Mondiale del Donatore di Sangue (14 giugno). Ha visto impegnate 9 squadre che si sono affronate in due gironi di qualificazione. Cinque le formazioni “avisine”, da tre Regioni (Veneto, Friuli e Trentino) e 4 in rappresentanza delle Forze Armate. I gironi avrebbero dovuto essere di 5 squadre ciascuna, ma all’ultimo momento c’è stata la defezione della Provinciale di Treviso. Ecco i gironi e le squadre partecipanti.

GIRONE “A” : Avis comunale Venezia, 7° Reggimento Alpini, 5° Reggimento “Superga”, 85° Reggimento F. “Verona”;

GIRONE B”: Avis provinciale Udine, Avis regionale Trentino, 4° Reggimento Genova Cavalleria, Avis comunale Maser, Avis Bassano del Grappa.

Il Trofeo “Memorial Giuseppe Zarpellon” si è svolto presso i campi sportivi dell’Oratorio P. G. Frassati a Santa Croce di Bassano del Grappa. La finale per il terzo e quarto posto ha visto prevalere l’85° Reggimento F.Verona sulla new entry Comunale di Maser, ma solo ai rigori. Si è scelta questa formula infatti a causa del maltempo che nel pomeriggio era intermittente. La finalissima, invece, si è svolta regolarmente ed è finita nei tempi regolamentari in parità 1-1. Anche qui sono stati i rigori a decidere la vittoria.

Nel link tutte le immagini

 

DSC_0410 DSC_0337 DSC_0357 DSC_0398 

La nostra forza: qualità e continuità.

Domenica 6 settembre a Pianezze incontro dei dirigenti Avis della Marca

L’estate sta ormai volgendo al termine e l’Avis provinciale di Treviso, come ogni prima domenica di settembre, “raduna” tutti suoi dirigenti al Tempio internazionale del donatore di Pianezze di Valdobbiadene (Tv).

Una giornata importante per presidenti e collaboratori delle 90 Avis comunali della Marca, tutti volontari, che spendono il proprio tempo a servizio del prossimo.

La giornata di domenica sarà occasione per fare il punto sui “numeri” di tale generosità, che hanno permesso di garantire sangue e plasma alle strutture sanitarie delle tre Ulss trevigiane con regolarità, senza particolari emergenze.

“Continuità e qualità sono la forza della nostra Avis –sottolinea la presidente di Avis provinciale, Vanda Pradal – e il merito va sia ai presidenti e consiglieri delle Avis di base sia agli oltre 33 mila soci donatori che per tutti i mesi estivi, nonostante il gran caldo, non hanno mai fatto venir meno la loro generosità. Poche altre province possono dire lo stesso”.

Proprio la Marca trevigiana, infatti, è riuscita durante i mesi estivi ad inviare sangue anche ad ospedali fuori provincia.

All’incontro di domenica, che si prevede intorno alle ore 11.30, dopo la celebrazione della Messa al Tempio, interverranno anche il presidente dell’Avis regionale Veneto, Gino Foffano, consiglieri Avis a livello regionale e nazionale, medici e rappresentanti delle varie istituzioni.

 avis1

La nuova stagione di “Riso fa Buon Sangue” riparte da Castelfranco

È partito davvero alla grande il tour 2015 di “Riso fa buon sangue”, in collaborazione con Avis regionale Veneto, provinciali e comunali, con comici ormai noti e amati dal pubblico. Un tour che possiamo ormai definire da “esportazione”, visto che tocca anche Piemonte, Trentino, Toscana, Emilia Romagna e Marche.

L’esordio c’è stato il 1° maggio a Costalunga (Vr), ma sabato 13 giugno in piazza Giorgione a Castelfranco Veneto (Tv) sono attese migliaia di persone in una delle piazze più grandi del Veneto e in occasione del 60° della locale Avis. Il 20, invece, lo spettacolo di cabaret sarà ad Angiari (Vr). Sempre il 20 giugno, ovviamente con cabarettisti differenti, il “Riso Avis” approda in Toscana, a Montale in provincia di Pistoia. Il 25 giugno sarà Piazza Fiera a Trento ad ospitare lo spettacolo.

Successivi appuntamenti di LUGLIO, invece, il 10  a Rasa di Lendinara (Ro), l’11 in piazza A. Moro di San Stino di Livenza (Ve), il 19 a Malo (Vi), il 23 luglio in piazza Martiri a Belluno.

Due gli appuntamenti ad AGOSTO: il 2 in piazza della Libertà a Bottrighe (Ro), il 22 agosto invece l’appuntamento “clou” a Isola dell’Unione a Chioggia (Ve) con la finalissima per premiare il miglior cabarettista esordiente del 2015.

SETTEMBRE sarà intensissimo: il 4 settembre a Moie (Ascoli Piceno), il 5 settembre a Lendinara (per il 25° anniversario Amici del Cabaret) e nella stessa data altri comici della “banda” saranno a Senigallia (Ancona), il 13 settembre toccherà al Piemonte, Alessandria, e il 26 dello stesso mese a Bosco Mesola (Ferrara).

Gran chiusura del Tour 2015 il 20 novembre al Teatro Duse di Asolo (Tv).

Saranno poi selezionati durante il tour di quest’estate e si esibiranno in vari spettacoli, con tappe in tutto il Veneto, 6 finalisti che concorreranno il prossimo anno alla sesta edizione Festival nazionale Teatro Comico e Cabaret “Riso fa buon sangue” 2016 e alla 12° Edizione Premio “Peggio di cosi..!”. Si dovrà presentare un pezzo originale scritto di proprio pugno per un tempo massimo di 8 minuti, con tema libero (nei limiti della decenza e del buon costume). Il concorso prevede varie tipologie di premi (premio giuria, del pubblico, premio Peggio di così, scelta artistica) ed è ammessa la possibilità che il medesimo artista possa vincere più sezioni. I sei finalisti parteciperanno, quindi alla finalissima del prossimo anno, mentre è già tutto pronto per la finalissima dei sei finalisti dello scorso tour estivo, che si terrà a Chioggia (Ve) il 22 agosto prossimo.

Ma non è finita: a ottobre c’è “la Crociera del Sorriso”.

crociera--posticipata-web
in crociera con risata

La crociera del sorriso” è il grande evento organizzato da “Riso fa buon sangue” in collaborazione con Avis regionale dall’11 al 18 ottobre. La crociera nel Mediterraneo partirà da Genova con tappe a Napoli, Messina, Malta, Palma di Majorca, Barcellona, Marsiglia e ritorno a Genova. Una settimana di relax, divertimento, musica, tante emozioni e risate con i comici di Riso fa buon sangue. Per prenotare la cabina contattare i cell. 328 0349712 – 0426 248727.

Fund raising & Avis. Quattro incontri di formazione a Padova

Il 7 FEBBRAIO 2015 si svolgerà a Padova il primo incontro del “PERCORSO DI FORMAZIONE e attivazione di gruppi di lavoro sulla RACCOLTA FONDI (fundraising)” dedicato a: “Principi e tecniche del fundraising. Dalla raccolta fondi improvvisata alla raccolta fondi organizzata”. Tutti gli avisini impegnati nelle rispettive Avis possono iscriversi entro il 23 gennaio. Per maggiori informazioni: info@avisveneto.it oppure formazione@avisveneto.it.

Il Corso prevede 4 incontri di 4 ore ciascuno che si svolgeranno da febbraio a marzo ogni 15 giorni È previsto un numero massimo di partecipanti: 40.

Il secondo incontro, quindi, si svolgerà sabato 21 febbraio e parlerà di: “Piano di raccolta fondi. Un laboratorio intensivo per costruire passo passo il piano di raccolta fondi della nostra organizzazione”.

Terzo incontro, sabato 7 marzo: “Raccogliere contatti. Come andare oltre al giro degli amici e dei parenti e aprire nuovi orizzonti?”

Quarto incontro, sabato 21 marzo: “Comunicazione e marketing. La cassetta degli attrezzi minima e uno sguardo sul web”.

10911372_10204719072370334_6579431913900964919_o

Samaritano 2014: c’è tempo fino al 21 ottobre per le segnalazioni

I Samaritani sul palco con le autorità
I Samaritani 2012 sul palco con le autorità

Ci sono persone di tutte le età che in silenzio, senza clamori, compiono gesti di grande bontà. Che aiutano chi ha bisogno, vicino o lontano. All’interno di associazioni o da sole. Storie bellissime di ragazzi che aiutano i compagni in difficoltà, di persone che danno una mano al vicino di casa, all’anziano solo, ai bambini sofferenti di Paesi lontani… La bontà non ha limiti e l’Avis ha istituito anni fa una sorta di premio per conoscere questi non eroi, queste persone semplici che compiono gesti di ordinaria umanità incessantemente e generosamente, spontaneamente e senza attendersi lodi o ricompense.

Si chiama “Proemio nazionale Samaritano”, è organizzato dall’Avis Riviera del Brenta con il patrocinio di Avis regionale Veneto e Avis nazionale, e si tiene a dicembre. A cadenza biennale, è giunto quest’anno alla sua 16^ edizione ed è aperto a tutti.

Le segnalazioni dovranno riguardare persone viventi, scolaresche o studenti e dovranno essere presentate per iscritto con le motivazioni. I nomi possono essere indicati da Avis, associazioni di volontariato, culturali, sportive, sociali, parrocchiali, istituti scolastici e anche da singoli.

Una commissione composta da volontari Avis sceglierà i 5 finalisti, mentre una seconda, formata da 30 studenti delle scuole superiori di Dolo (Ve), sceglierà la storia più significativa. La premiazione si svolgerà il 6 dicembre presso il Cinema Italia di Dolo.

Le segnalazioni devono essere inviate per posta, fax o e-mail ai seguenti indirizzi: Proemio Nazionale Samaritano c/o Avis Riviera del Brenta, Via Brusaura 30, 30031 Dolo (VE) tel e fax 041 5100754 349 5616749 email: rivieradelbrenta@venezia.avisveneto.it entro il 21 ottobre 2014.

Caterina Bellandi e "Milano 25"
Caterina Bellandi e “Milano 25”

Nel 2012 a vincere è stata Caterina Bellandi, una tassista molto celebre a Firenze e dintorni. Grazie al suo coloratissimo Milano25 e al suo costume da fata, allieta le giornate di adulti e bambini in difficoltà, dimostrandosi sul campo autentica campionessa di solidarietà.

Maserada: l’Avis festeggia i “suoi primi 50 anni” con tanti colori

L’Avis comunale di Maserada sul Piave, guidata da Daniela Moro, festeggia i suoi primi 50 anni di vita con una due giorni di coinvolgimento di tutta la cittadinanza. Forte dei suoi 600 donatori di sangue attivi e di molti collaboratori, l’Avis locale è in buona salute, con un buon numero anche di giovani.

I festeggiamenti cominciano sabato 20 settembre alle ore 16, nella piazza dietro al Municipio, con la mostra sulla donazione del sangue e di francobolli, l’annullo filatelico, l’apertura della mostra dei disegni degli alunni delle classi quinte delle scuole elementari e la mostra fotografica sulla storia dell’Avis di Maserada. In piazza saranno presenti molti gazebo dedicati sia all’Avis, ai giovani donatori e alle associazioni che operano nel sociale (Acat, Aido, Anteas, Associaz. Genitori Istituto comprensivo, Banca del Tempo, RiGira il vestito, Il Sentiero, Caritas, Associazione Disabili, Auser, Gas, Oratorio San Giorgio, La Palestra della felicità…) sia ai gruppi sportivi, che faranno esibire in diverse discipline 300 bambini e ragazzi. Spazio sarà dato anche alla novità dello “joga della risata” e al truccabimbi. Domenica 21, giornata dedicata in particolare ai donatori di sangue, ai loro familiari e ai simpatizzanti, con il raduno degli avisini presso la sede Avis alle 9, il saluto delle autorità alle 9.30, la formazione e l’avvio del corteo fino alla chiesa alle 10.30, la Messa alle 11 e il pranzo sociale alle 13 presso il ristorante “Ai sette nani” di Negrisia.

MANIFESTO ASSOCIAZIONI_DEF 

Il volontariato come risorsa, importante convegno a Pianezze

Sarà il convegno “Istituzioni e volontariato: risorsa per un nuovo welfare” il momento di riflessione della 15ª “Giornata provinciale del donatore di sangue”, che viene organizzata dall’Avis provinciale di Treviso a Pianezze di Valdobbiadene. All’evento, domenica 7 settembre, sono invitati quest’anno, come relatori, il Senatore Maurizio Sacconi, presidente della Commissione Lavoro del Senato della Repubblica e il dott. Vincenzo Saturni, presidente dell’Avis nazionale.

La manifestazione si terrà presso il Tempio internazionale del donatore di sangue di Pianezze, alle ore 10.

Al termine del convegno, intorno alle ore 12.00, si terrà la celebrazione della S. Messa e a seguire il pranzo sociale nella struttura adiacente.

avis1
Un’edizione della Festa provinciale

La giornata, alla quale partecipano circa 500 volontari, per lo più dirigenti delle 90 Avis comunali, oltre all’intero Consiglio direttivo di Avis provinciale con la sua presidente Vanda Pradal e a rappresentanti di Avis veneto e nazionale,  ma anche donatori e loro familiari, è un momento per trascorrere alcuni momenti insieme e per confrontarsi, in vista della ripresa di tutte le attività associative.

Il Riso fa Buon Sangue venerdì sera a Treviso

Fa tappa a Treviso, in piazza Santa Maria Maggiore, la rassegna di cabaret “Riso fa buon sangue” legata all’Avis per la promozione del dono del sangue e che per tutta l’estate toccherà le principali piazze del Veneto con comici emergenti e noti per la partecipazione alle trasmissioni Zelig, Zelig Off e Colorado. Organizzata dall’Avis regionale e Avis comunale di Treviso, con l’Amministrazione comunale e Suoni di Marca, la serata vedrà sul palco la comicità di Paolo Franceschini, Flavio Oreglio, i Pandulati, Gigi Rock, Davide Stefanato e Paolo Favaro. Inizio ore 21 ad ingresso libero.

La locandina dell'evento
La locandina dell’evento

Giornata Mondiale Donatore di Sangue, Verona baricentro del Veneto

Sabato 14 e domenica 15  tante le attività organizzate da Avis Veneto: convegni, 100mila opuscoli per la prevenzione nei supermercati, spettacoli di cabaret e flash mob nelle stazioni. A Verona convergono centinaia di avisini per il clou di sabato e domenica con la Festa regionale in Piazza Brà.

Manifesto GMD 2014
Il manifesto ufficiale dell’OMS

È “Sangue sicuro per salvare le madri”, il tema scelto quest’anno dall’OMS (Organizzazione mondiale della Sanità) per la “Giornata mondiale del donatore di sangue”, per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sull’importanza di garantire sempre, a tutte le donne in ogni angolo del pianeta, la disponibilità di sangue e dei suoi componenti nel momento delicatissimo del parto. Evento che, pur naturale, può complicarsi per forti sanguinamenti sia durante sia dopo la nascita del bambino. I decessi per parto, purtroppo, sono un fenomeno diffuso soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, con una particolare concentrazione nell’Africa subsahariana (dove muore per parto una madre su due) e nel Sud-est asiatico (dove ne muore una su tre). A morire sono per lo più giovanissime, adolescenti di 15/16 anni. Le principali manifestazioni promosse quest’anno dall’OMS per la “Giornata del donatore” si svolgono nello Sri Lanka.

Per Avis Veneto, l’argomento non è nuovo. Anzi. Già lo scorso anno, di fatto anticipando i tempi, proprio l’Avis regionale, assieme al Cuamm Medici per l’Africa e Alì Alìper ha lanciato l’iniziativa “Sangue sicuro per le mamme e i bambini in Africa” per far fronte alle richieste di sangue di quattro ospedali (in Angola, Etiopia, Tanzania ed Uganda) e per aiutare la creazione, in quei luoghi, di organizzazioni locali di donatori. Iniziativa a cui chiunque (Avis comunali, provinciali, cittadini) può contribuire. Il conto corrente dedicato è: Banca Monte dei Paschi di Siena, agenzia 2687 di viale IV Novembre 84/c a Treviso intestato ad Avis Regionale Veneto è n. 61165563 iban n. IT 21 P 01030 12081 000061165563.

Le principali manifestazioni promosse quest’anno dall’OMS per la “Giornata del donatore” si svolgono nello Sri Lanka. Avis Veneto ha organizzato la due giorni di festa e sensibilizzazione con epicentro a Verona, Avis nazionale ha organizzato flash mob giovani nelle principali stazioni ferroviarie italiane, mentre Avis comunali e provinciali hanno creato altri eventi locali.

In particolare sabato 14, a partire dalle 9, presso il Palazzo Gran Guardia in Piazza Brà a Verona si svolgerà il convegno interregionale “Il dono del sangue e la cooperazione internazionale di Avis”. Parteciperanno il Prof. Ennio Ripamonti (Università Milano Bicocca), Dott. Lorenzo Liguoro (Università di Padova), Dott. Massimo La Raja (Medico Volontario CUAMM – Dir. Medico CT Ulss 5), Padre Alfredo Rizzi (Presidente Aassociazione Boliviana Donatori Sangue – Resp. Caritas Cochabamba, Bolivia), Gino Foffano, Presidente Avis Veneto. Modera l’incontro il dott. Diego Vecchiato, Direttore del Dipartimento Politiche e Cooperazione Internazionale della Regione Veneto.

Alle 19, di fronte al Liston 12, decine di giovani Avis daranno vita – tutti vestiti rigorosamente di rosso – al flash mob come i loro coetanei avisini di tutta Italia che, a mezzogiorno in punto, avranno pacificamente “invaso” contemporaneamente le più grandi stazioni ferroviarie. In Veneto sarà la Stazione Santa Lucia di Venezia, alle 12 in punto, a fare da scenario al flash mob veneziano.

Sempre nella giornata di sabato, per tutto l’orario di apertura, Avis Regionale Veneto, in collaborazione con le catene Alì&Aliper e Despar, promuove una campagna informativa con la distribuzione di oltre 100 mila depliant informativi su “La prostata + conoscenza + prevenzione”. Sono coinvolti 74 punti vendita Alì e 26 punti vendita Aliper del Veneto, 114 punti vendita Despar Eurospar e 25 punti vendita Interspar,  dove sarà esposta un’analoga locandina.

Altre 110mila copie dello stesso depliant saranno distribuiti a tutti i donatori Avis del Veneto tramite  il numero di giugno del periodico associativo Dono&Vita.

Domenica 15 giugno, invece, sempre in Piazza Bra dulcis in fundo per tutta la giornata. Dalle 9,30 in poi, infatti, gli avisini si concentreranno in piazza e sfileranno fino a San Zeno. Poi stand Avis, giochi gonfiabile per bambini e ragazzi, artisti di strada e iniziative varie. Fino a sera quando chiuderà la giornata il mega spettacolo di cabaret di “Riso fa buon sangue”, con artisti e comici provenienti direttamente da Zelig, Selig Off e Colorado.

Avis Veneto “sotto processo”, sabato 8 febbraio a Treviso

“In nome del popolo avisino…”.

Sarà con queste parole che il collegio giudicante chiuderà il ciclo di appuntamenti organizzato dalla Scuola di Formazione delle Avis del Triveneto. L’ultimo incontro è in programma per sabato 8 febbraio a Treviso: sul banco degli imputati l’Avis. Il capo d’imputazione è chiaro: mancanza di apertura all’innovazione e poco spazio per i giovani…un must di questi tempi, dove la “rottamazione” è sulla bocca di tutti. Sarà un vero e proprio processo (simulato) quello che prenderà vita a Treviso, con tanto di accusa, difesa e testimoni. Un’occasione per confrontarsi, scontrarsi e, perché no, togliersi qualche sassolino dalla scarpa. L’obiettivo, però, è comune: crescere ed evolversi per stare al passo con i tempi, ma senza dimenticare le proprie radici. (B.I.)

Vediamo come si svolgerà il “processo”:tribunale

Le Parti e gli attori in causa

Il Pubblico Ministero: che preciserà gli elementi di critica verso l’associazione e presenterà al giudice le idee e richieste per correggere difetti nelle mentalità, negli usi e nelle consuetudini.

La “Convenuta”: ovvero l’Avis stessa, chiamata in causa per interrogarsi sul tema, avrà diritto ad un avvocato difensore. Questi potrà produrre ogni elemento e testimonianza utile in supporto della difesa.

I Testimoni: ovvero tutti i dirigenti e quadri avisini che vorranno partecipare per portare la propria testimonianza per l’accusa o per la difesa.

GiudiceIl Giudice collegiale: rappresentato dalla dott.ssa Clara Deffendi, psicologa e formatrice esperta, e da altre figure extra associative (Alessandro Lion dir. CSV Padova e Michela Saviane HEADS) avrà la funzione di facilitare il corso del procedimento stimolando un confronto costruttivo; dopo la requisitoria emetterà il proprio giudizio per contribuire a definire una giusta prospettiva su questo fondamentale tema.

 Il procedimento

 Ore 9.30 – Apertura del processo, benvenuto ai convenuti e registrazione

Ore 9.45 – Esposizione dell’oggetto del processo, la domanda per la quale si chiede il giudizio.

Ore 10.00 – Requisitoria del Pubblico Ministero che può addurre prove e chiamare i propri testimoni a parlare.

Ore 10.30 – Istruttoria e contraddittorio per permettere alle parti di fornire tutti gli elementi di prova utili, documenti e testimonianze comprese , per vagliare i dati di fatto e gli interessi rilevanti così da pervenire ad una valutazione fondata nel merito.

Ore 12.30 – Emissione della sentenza ovvero comunicazione della decisione del giudice, delle sue motivazioni e delle ragioni che l’hanno giustificata.

Ore 13.00 – Conclusioni e prospettive per l’associazione

 

Inizia a Donare per salvare una VitaDona su AvisVeneto.it