Inchiesta: Se i giovani incontrano muri o li abbattono, o se ne vanno

Facciamo parlare direttamente loro: i giovani. Davvero non vogliono impegnarsi? E quando si impegnano attivamente dopo un po’… spariscono. Non saranno forse troppi i muri costruiti attorno a loro?

inchiesta di Beppe Castellano

È  il tormentone di quasi ogni incontro, assemblea, convegno organizzato dalle nostre Avis di ogni livello: i GIOVANI! I giovani e il dono del sangue, i giovani e l’impegno in associazione, i giovani e… “ai miei tempi”, i giovani e l’impegno nel volontariato, i giovani che “li vedi una due volte poi scompaiono”... Potremmo continuare per pagine. Con questa sicuramente incompleta inchiesta, abbiamo cercato di osservare il più oggettivamente possibile il “problema giovani”, estraniandoci in parte dall’Avis e cercando chi sta affrontando il problema con studi e ricerche organiche. Il ricambio generazionale, primo dato, non riguarda soltanto Avis e dono del sangue. Certo è il settore che più potrà soffrirne nell’immediato futuro, visto il continuo calo delle nascite “autoctone”, ma coinvolge tutto il Volontariato. E con quest’ultimo anche le stesse nuove generazioni che all’orizzonte – almeno nel ristretto panorama del nostro Paese – vedono limitate le possibilità di realizzarsi. Nel lavoro e nella vita, prima di tutto, e poi chissà… In terza e quarta battuta anche nel volontariato. Abbiamo preso spunto da due interessanti indagini e ricerche. Una è “Giovani e Volontariato quali prospettive e quali sfide”. Lungi dall’essere limitato alla sola regione di Leopardi è stata realizzata dal CSV delle Marche, ma coinvolgendo anche CSV di Bergamo, Modena, Lazio/Roma, Milano, Torino, Bologna. Le OdV coinvolte nel 2017/2018 (queste sì, marchigiane) erano dieci, nessuna Avis. Finora risulta l’unica indagine organica in tal senso che ha coinvolto direttamente le organizzazioni di volontariato. E tutte soffrono degli stessi problemi dell’Avis, almeno a livello dirigenziale. In quattro Odv italiane su dieci, per esempio, i giovani partecipano quasi mai ai momenti assembleari, mentre in più del 61% non sono presenti giovani nei consigli direttivi. Fra le risposte più “gettonate” sulla permanenza o meno in un impegno costante nelle Odv due in evidenza: 1) “Se  diamo un ruolo ad un giovane, molto probabilmente resterà in associazione”; 2) “Se in contatto con volontari “senior” quasi certamente abbandonano. Difficilmente gli anziani lasciano campo libero ai nuovi arrivati”. Eppure gli adolescenti sarebbero disponibili, come ci spiega qui sotto il sociologo Tiziano Vecchiato. Con la Fondazione Zancan sta conducendo una interessante ricerca “sul campo”.

Fondazione Zancan/CRESCERE Uno studio di sei anni su mille adolescenti. Sono “a rischio”? Solo i nostri luoghi comuni.

Intervista al sociologo Tiziano Vecchiato, presidente Fondazione Zancan di Padova.

In che cosa consiste la vostra indagine? È ancora in divenire? Come è nata, come si sviluppa, quanti e quali giovani coinvolge, in che fasce di età? 

CRESCERE è un acronimo che sintetizza il senso strategico dello studio “Costruire Relazioni ed Esperienze di Sviluppo Condivise con Empatia, Responsabilità ed Entusiasmo”. È cioè un’indagine approfondita che da anni stiamo realizzando con un campione di giovani in Veneto, nelle province di Padova e Rovigo. Coinvolge oltre 1000 ragazzi e famiglie, che in questi anni si sono resi disponibili a partecipare a questo importante progetto, a rispondere alle nostre domande anno dopo anno, per dirci come stanno crescendo e affrontando i problemi dell’esistenza in una società poco disponibile ad accoglierli. 

È uno studio “longitudinale”, significa che gli stessi ragazzi sono seguiti nel tempo, sempre gli stessi, ascoltandoli nel loro percorso di crescita, per capire cosa fanno, cosa pensano, cosa cercano e come cambiano nel tempo. In pratica ci parlano di come crescono i giovani oggi, quali sfide affrontano, quali sono i fattori che favoriscono una crescita positiva. Abbiamo iniziato 10 anni fa chiedendoci come realizzare un’impresa che sembrava impossibile, visto che nel nostro Paese le ricerche sono di breve periodo e che nel mondo gli studi longitudinali sono rari e preziosi. 

Lo studio di fattibilità è durato due anni, in cui abbiamo capito come intraprendere questa sfida in un mondo che cambia rapidamente, in continua evoluzione tecnologica e sociale. 

Abbiamo scelto di fare quello che sembrava impossibile. In uno studio longitudinale è normale perdere il 20% del campione ogni anno, ma in tutti questi anni abbiamo perso solo il 20% complessivo, per ragioni di trasferimento di residenza o di crisi familiari. 

Chi ci avrebbe aiutato con le risorse necessarie? Come arrivare ai ragazzi e ai loro genitori (che poi hanno composto il campione) per condividere questa sfida? Ci sono voluti due anni per dare risposte a queste domande e progettare l’intera indagine, mettere insieme un comitato scientifico di esperti internazionali, definire gli strumenti, costruire le infrastrutture sociali nel territorio per dare continuità allo studio. Ma i risultati ottenuti e l’entusiasmo che tanti ci hanno dimostrato stanno ampiamente premiando gli sforzi, in particolare l’impegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, che anno dopo anno sostiene il progetto permettendone la realizzazione alla luce dei risultati che raccogliamo ogni anno. 

Siamo ora arrivati alla sesta annualità di raccolta dati. Quando abbiamo iniziato i ragazzi avevano 11-12 anni, ora ne hanno 18 e i cambiamenti che abbiamo osservato sono tanti. È una grande fotografia in movimento che racconta la vita di questi ragazzi a 360 gradi. Ci parla di cosa fanno del tempo libero, dell’uso di internet, di come si relazionano in famiglia. Ci raccontano di come e quanto parlano con i padri e le madri, quali difficoltà incontrano nella vita di tutti i giorni, nella scuola, nelle relazioni con gli insegnanti e i compagni. Non hanno paura di parlare delle difficoltà, del bullismo, di come reagiscono alle violenze online, della spiritualità, della fede, di come si giudicano, se hanno fiducia nelle proprie capacità, se si fidano degli altri, di come vorrebbero il loro futuro, di cosa è veramente importante per essere felici. Ci parlano anche di volontariato, del loro volontariato e del perché e come aiutano gli altri.

Il patrimonio di informazioni raccolte in questi anni è immenso, ci chiede un grande lavoro di analisi per condividere i risultati con loro, i loro genitori e tutti gli altri interessati. Li mettiamo a disposizione gratuitamente nel sito internet dedicato (www.crescerebene.org), in convegni e incontri pubblici, nelle scuole che partecipano allo studio con la speranza che tutto questo diventi servizio alle loro comunità.

Può anticiparci qualche risultato per lei significativo alla luce dell’attuale situazione sociale e, a livello sociologico, le prospettive nei prossimi anni? 

Uno dei risultati che più ha meravigliato famiglie, insegnanti, anche i giornalisti, riguarda cosa è davvero importante per i ragazzi. Da un lato ci raccontano le attività che fanno in internet, ci dicono che non potrebbero vivere senza smartphone, una prosecuzione del loro corpo e della loro mente. Anche se immersi nella realtà virtuale ciò che conta davvero per loro sono le relazioni autentiche. Alla domanda “Qual è la cosa più importante per te per essere felice?” i ragazzi mettono al primo posto gli amici, quelli veri, che “mi accettano per quello che sono”. Al secondo posto la famiglia, anche se con tanti problemi resta sempre e comunque il loro punto di riferimento, anche quando il dialogo diventa nel tempo più difficile. Nella famiglia c’è qualcuno su cui poter contare sempre, anche nei momenti difficili. Importante è l’amore e “avere qualcuno che mi voglia bene”, “che mi accetta per quello che sono”, con cui sentirsi liberi di esprimersi e stare bene insieme. Per alcuni stare bene significa pure “fare felici” gli altri: “Per me essere felice non significa solo fare le cose che ci fanno stare bene, ma anche aiutare gli altri a stare bene”.

I ragazzi di oggi hanno bisogno di essere ascoltati e considerati. Spesso ci ringraziano e dicono “Per me è bello sapere che qualcuno crede in noi e ci intervista”, “Per una volta abbiamo avuto l’opportunità di scrivere su ciò che noi adolescenti sentiamo dentro, pensiamo e proviamo”, “Alcune domande sembrano assurde ma ti fanno capire come sei dentro e in cosa potresti migliorare”.

Giovani e futuro. Giovani e propria “realizzazione”. Giovani, impegno sociale e… volontariato. Che cosa ne pensa in particolare di quest’ultimo argomento? Secondo le sue sensazioni è vero che, oggi in particolare, i giovani sono poco propensi all’impegno sociale come volontari? 

Abbiamo fatto proprio queste domande ai ragazzi, perché ci interessava capire qual è la loro propensione ad attivarsi e il loro potenziale generativo. In Sardegna, in collaborazione con il Centro Servizi Volontariato Sardegna Solidale, abbiamo realizzato due ricerche con i giovani, coinvolgendo 900 ragazzi tra i 14 e i 18 anni, per capire quanto vivere in ricchezza o in povertà incide sulla capacità di pensare e progettare il futuro. Due ragazzi su dieci fanno parte di gruppi e/o associazioni: scout o altri gruppi giovanili, coro o gruppo musicale, gruppo di ballo, parrocchia, associazioni sportive, culturali, a difesa dell’ambiente o di volontariato. Il 13% fa attività di volontariato per aiutare gli altri: «Dono il sangue», «passo per il paese per ritirare i viveri», «faccio oratorio durante l’estate», «vado in comunità dove lavora mia mamma per stare con gli anziani e passare del tempo diverso dal solito», «regalo i vestiti che non uso più», «impegno sociale contro le mafie», «insegno delle tecniche da portiere ai più piccoli», «do ripetizioni (gratis)», «mi rendo utile nei blog o altri siti per rispondere alle domande dei ragazzi che hanno bisogno di aiuto o di attenzione». A chi non fa volontariato abbiamo rivolto domande per capire le potenzialità di ogni ragazzo e la propensione a mettere a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per aiutare chi ha bisogno. Abbiamo chiesto se qualcuno ha mai proposto loro di fare qualcosa di utile per gli altri, in quasi la metà dei casi nessuno li ha mai incoraggiati in questo senso. Lo stimolo maggiore viene dai genitori. Poi vengono gli insegnanti, le parrocchie, gli allenatori… Abbiamo anche chiesto «Se ne avessi la possibilità, ti piacerebbe mettere a disposizione le tue capacità e/o il tuo tempo per aiutare chi ha bisogno?». Quasi otto ragazzi su dieci hanno risposto di sì (78%). Un aspetto interessante è che i ragazzi sono disposti a offrire tempo e capacità indipendentemente dal fatto che siano ricchi o poveri. Vi sono invece differenze per genere ed età. Le ragazze sono mediamente più propense ad attivarsi per aiutare chi ha bisogno. Il desiderio di aiutare aumenta al crescere dell’età: è più timido quando i ragazzi hanno 14-15 anni e poi cresce nel tempo.

Abbiamo osservato le stesse dinamiche tra i ragazzi veneti dove più di un ragazzo su quattro fa volontariato. Si va dall’impegno sporadico (qualche volta all’anno) a tutte le settimane. Con l’età aumentano i ragazzi che fanno attività a favore degli altri (a 12 anni erano il 20%, a 16 anni sono il 37%). Vi sono differenze tra ragazzi: anche qui le ragazze sono più disponibili a fare volontariato. 

Tipo di scuola: gli studenti del liceo fanno più volontariato rispetto a tecnici e professionali. La ricerca si è poi concentrata sulle capacità dei giovani che si sono resi disponibili. Abbiamo chiesto loro di riflettere su cosa in pratica potrebbero fare per aiutare chi ha bisogno. Non è stata una domanda facile, molti di loro ci hanno pensato a lungo prima di rispondere. Ecco soltanto alcune delle loro affermazioni:

• Aiutare gli anziani, per esempio fare la spesa e se vedo una signora anziana in difficoltà la aiuto; 

• Dare ripetizioni ai ragazzi in difficoltà nella scuola;

• Donare qualche soldo al mese;

• Far sorridere;

• Mi piacerebbe aiutare i bambini a svolgere i compiti per casa, oppure prestare dei servizi benessere agli anziani nelle case di riposo;

• Stare con i bambini che non stanno bene o hanno qualche problema»

• Per esempio riciclare e ripulire i parchi. Però con qualcuno non da sola;

Alcuni hanno decritto la sfida come incontro di capacità e potenzialità in questo modo: 

• Innanzitutto chiedere ai bisognosi cosa io possa fare;

• Ascoltare le persone in difficoltà e aiutarle a trovare una soluzione;

• Mettere a disposizione le mie capacità;

• Condividere la mia passione con altri, e magari insegnare a chi volesse imparare»

• Dipende da chi ha bisogno e da quale sia il problema, prima di tutto cerco di capire che problema ha e poi cerco una soluzione insieme a colui che ha bisogno»

• Mettere alla prova le mie capacità e le mie risorse per fare del bene e aiutare le altre persone.

Sono pensieri importanti, da valorizzare nei contesti di vita, in famiglia, nella scuola, nelle comunità locali. Per i ragazzi è importante riflettere su cosa è possibile fare per gli altri e con gli altri, con quali capacità e competenze per consolidare sistemi di fiducia preziosi e necessari per crescere bene.

Sarebbe utile una ricerca più approfondita su giovani e volontariato, estesa anche ai nuovi cittadini, in collaborazione fra la vostra Fondazione e le Odv?

Meglio se a questa domanda risponde la vostra redazione… 

E noi tale domanda la giriamo ai lettori e alle Avis. Dibattito aperto!

Che cos’è la Fondazione Zancan: 55 anni di ricerche nel sociale

La Fondazione «Emanuela Zancan» Onlus è un centro di studio, ricerca e sperimentazione che opera da oltre cinquant’anni nell’ambito delle politiche sociali, sanitarie, educative, dei sistemi di welfare e dei servizi alla persona. La sua mission è “contribuire alla ricerca scientifica di rilevante interesse sociale, con particolare riguardo all’area delle politiche sociali, dei servizi alla persona e delle professioni in essa operanti” (art. 2 dello Statuto). Svolge le sue attività grazie alla collaborazione di molti studiosi ed esperti italiani e stranieri. Collabora con enti statali, regioni, province, aziende sanitarie, comuni, università, centri di studio italiani e internazionali e con soggetti privati per studi, ricerche, sperimentazioni. 

La Fondazione è sorta nel 1964, in ricordo di un’assistente sociale: Emanuela Zancan, vicedirettrice della Scuola superiore di Servizio sociale di Padova, che morendo ancor giovane lasciò la sua liquidazione alla Scuola perché fosse utilizzata in un’opera con finalità sociali. La somma costituì la prima pietra per la realizzazione della Fondazione. È riconosciuta dal Ministero degli Interni onlus di “ricerca scientifica di rilevante interesse sociale”. Presidente è il sociologo Tiziano Vecchiato (foto sopra). La Fondazione edita una  interessantissima rivista bimestrale “Studi Zancan – Politiche e Servizi alle Persone”, con ricerche, dati, spunti di riflessione (da fonti certe ed autorevoli) su welfare e dinamiche sociali. 

Info: www.crescerebene.org www.fondazionezancan.it

Dall’incostanza nel donare, al non impegno: alcuni fra i perché…

Abbiamo fatto parlare alcuni giovani. Sono tutti già in Avis, impegnati in varie attività (Gruppi giovani) o – anche ex – nel Servizio Civile. Ai giovani “esperti”, abbiamo chiesto perché molti non vanno oltre la 2ª donazione o non si impegnano in associazione. “Troppa burocrazia”; “Lavori precari che non permettono di chiedere permessi”. Anche perché… “I Centri trasfusionali sono aperti solo nei giorni feriali, con problemi a chi deve chiedere il permesso di lavoro. Solo alcuni in Veneto aprono sabato e domenica”; Fanno idoneità, magari dopo aver incontrato Avis a scuola, poi per tatuaggi, tempi d’attesa lunghi, viaggi all’estero, abitudini di vita non “in linea” sono sospesi (anche temporaneamente) e si stancano, poi non ci pensano più, rinviano e non vanno più a donare.  Così come quando aspettano mesi per i risultati dell’idoneità”; 

“Questione del partner fisso, questa è una lamentela frequente”. 

Infine: “Il momento della donazione non e più un modo per ritrovarsi con gli altri, per scambiare due chiacchiere, organizzare iniziative insieme. Si dona, si va via…”; “I giovani non si sentono abbastanza coinvolti, non si sentono accolti da un volontariato giovane. Solo in rarissimi casi si riesce a creare un ambiente “moderno” in Avis”; “Quando poi si sente dire: si è fatto sempre così…”.  C’è da riflettere.

Pomeriggio fra giovani universitari entusiasti in Centro trasfusionale

Abbiamo sentito, per chiudere, alcuni “neofiti”, alla visita di idoneità. Grazie alla Comunale di Venezia che in due giorni – dopo una mail a studenti, professori e dipendenti di Cà Foscari – ha visto una massiccia adesione di giovani all’invito. In 20 donne e 6 uomini hanno “esaurito” in due ore i posti prenotabili sul web per le 4 ore di due pomeriggi in cui il primario Gessoni teneva aperto il Centro trasfusionale lagunare per anamnesi, visite, colloqui, prelievi. Ancor di più sono in coda per “l’appello autunnale”. Come la prima ragazza a uscire (sarebbe stata la 27ª) che, dopo aver compilato il questionario, ha chiarito i dubbi col medico: “Ho appena cambiato fidanzato, non lo sapevo, tornerò certamente alla prossima di ottobre”. Agli “abili” (esami di idoneità permettendo), abbiamo chiesto le impressioni, man mano che uscivano col… buco.

Isabel, 24 anni, già laureata in Relazioni internazionali comparate, bergamasca, ma ormai veneziana di residenza, anche come volontariato: “Collaboro già a Venezia con alcune associazioni, da Lega Ambiente alle Misericordie e altre. Saputo che si poteva anche donare, eccomi qui. Problemi col questionario? Nessuno, tutto chiaro”. Manuel, 23 anni, di Pavia, laureando in lingue orientali: “Ho visto la mail d’invito solo a tarda sera, il giorno che l’hanno inviata. E non avevo fatto in tempo a prenotarmi, erano già tutti prenotati i posti. Per fortuna se n’è liberato uno all’ultimo momento. Avevo già pensato di donare, ma mai avuto occasione. Sono volontario nel Comitato della Croce rossa al mio paese, ora “passerò” donatore Avis a Pavia, ma Venezia e i veneziani già mi mancano”. Roberta, 20 anni, da Chieti, Economia e Commercio Inglese: “Non sapevo come si potesse donare, Avis e Università mi hanno fornito con la mail le informazioni, grazie. Sul questionario nessun problema, mi avevano spiegato, entrando al centro trasfusionale, che per qualsiasi dubbio posso chiedere al medico… È bello donare”. Altre due ragazze, Andrea e Francesca di 23 anni, le “interroghiamo” in sala ristoro, mentre fanno conoscenza. Stesso corso di laurea magistrale in Economia e Gestione delle Arti, non si erano mai viste prima: Andrea è da Torino, Francesca da Verona, parlano quasi in coro: “È un po’ che ci pensavo, sono contenta di averlo fatto, da soddisfazione pensare di aiutare qualcuno (Francesca); “Bella la sensazione di fare del bene. Poi i medici sono disponibilissimi a spiegare ogni cosa e anche i volontari Avis – dice Andrea – sono simpatici e disponibili. Io poi che a Venezia voglio rimanerci…”.


Dono del sangue e sani stili di vita: con “Io Valgo” Avis entra nelle aziende con incontri mirati e gratuiti

È partito ufficialmente “Io valgo”, il progetto di promozione del volontariato negli ambienti di lavoro per i giovani e le organizzazioni.

Obiettivo dell’Avis regionale Veneto è coinvolgere le aziende più sensibili del territorio in momenti di sensibilizzazione al volontariato e alla donazione del sangue attraverso incontri gratuiti per i dipendenti. Un’iniziativa che nasce dalla constatazione che negli ultimi anni, all’interno della propria attività economica, sempre più organizzazioni e aziende (che siamo abituati a pensare solo come a luogo per far business) guardano alle necessità sociali del territorio in cui operano.

In questa prima fase, Avis sta individuando le aziende interessate ad organizzare presso la propria sede questi incontri personalizzati ed interattivi di sensibilizzazione al volontariato e alla donazione di sangue e/o incontri di promozione alla salute e a sani stili di vita, con operatori professionisti. Grazie al finanziamento della Regione Veneto, gli incontri di 1 ora sono totalmente gratuiti e possono essere adattati alle esigenze dell’impresa dove si svolgono.

Partner del progetto di Avis regionale sono le Avis provinciali di Venezia e Vicenza e l’Abvs Belluno.

Collaborano le altre Avis provinciali del Veneto, Centro Servizi Volontariato e Forum Terzo Settore del Veneto, Confartigianato Imprese Veneto, Cisl Veneto, Ail (sezione di Venezia) e Associazione Il Castello di Venezia.

Con questa iniziativa le aziende potranno contribuire a costruire una società civile più attenta, motivando il personale e rafforzando i legami interni in una condivisione dei valori solidali.

Chi desidera ricevere informazioni può scrivere a progetto.iovalgo@avis.it o telefonare al 331 6809078

C’erano una volta a Notre Dame un acrobata e una ballerina… Si sposano il 29 settembre a Modena e “donano” le loro non-bomboniere alla ricerca TES

Galeotto fu il tour di “Notre Dame de Paris”. Prova dopo prova, data dopo data, li ha portati dritti… all’altare! Un amore sbocciato nel 2016 tra le “mura” della Cattedrale, al più grande successo di sempre nella storia del musical italiano, tra ore di fatica e allenamenti, tra luci e fantastiche atmosfere, le voci di Lola Ponce e Giò di Tonno e le musiche del grande Riccardo Cocciante. Sembra scritta per un film, ma è tutta felicemente vera la storia di Beatrice Zancanaro e Alberto Poli. Beatrice ha 29 anni, è di Venezia ed è ballerina professionista. Alberto ne ha 28, è di Modena e fa l’acrobata. Si sposeranno il 29 settembre, nel modenese con l’intenzione di “abitare” a Jesolo (Ve), nelle pause di un lavoro che li porta in giro per il mondo. La proposta di matrimonio è arrivata in Turchia, “con un anello nascosto in un ovetto di cioccolato” sottolinea Beatrice, il corso pre matrimoniale l’hanno fatto a Los Angeles, il video di partecipazione a parenti e amici è stato girato in Arizona e inviato dal Messico. Assieme, ora, stanno dando vita all’AcroModernLab, progetto di laboratori di danza acrobatica per bambini e ragazzi da portare in giro per l’Italia e all’estero. Due giovani belli, molto innamorati e in formissima che, oltre ad avere in comune la grande passione per il movimento, lo spettacolo e le acrobazie, condividono il valore dell’altruismo, donando il sangue. Ci raggiungono in redazione, una calda mattina di agosto, per dirci che al loro matrimonio Avis ci sarà. Con Tes. Il loro racconto è tutto un guardarsi, sorridenti. “Per un giorno così felice abbiamo deciso di preferire alla classica bomboniera un contributo economico alla ricerca – spiega Beatrice – e dopo aver contattato varie Avis, la risposta entusiasta della regionale Veneto ci ha convinti a devolverlo a Tes, la fondazione, partner di Avis, che studia le malattie del sangue anche grazie a giovani ricercatrici. Questa cosa ci riempie di gioia”.  Mentre lo dice, Beatrice si emoziona. La sua mamma non c’è più e non potrà starle accanto, ma aiutare la ricerca potrà dare una speranza in più a tanti altri malati. Un gesto che verrà spiegato agli invitati con un biglietto, unito ad un piccolo gadget avisino. Sventolerà anche la bandiera dell’Avis, prontamente donata ai due piccioncini da redazione e segreteria regionale, a dire a tutti che “amore porta amore”. Auguroni…

Michela Rossato

 

Beatrice e Alberto, una grande passione!

Beatrice è stata nella Nazionale di ginnastica ritmica dal 2000 al 2008 per poi passare alla danza. Ad uno stage internazionale a Treviso ha ricevuto diverse borse di studio ed ha iniziato a sperimentare tanti stili di danza diversi. Ha partecipato ad “Amici” nel 2008. Da professionista ha ballato, tra gli altri, per Anastacia, Liza Minelli, Renato Zero e in diversi musical. È una ballerina del Cirque du Soleil, con cui ha anche fatto un tour di un anno in una nave da crociera. È stata nel cast del Notre Dame de Paris per un anno, dal 2016 a metà del 2017. È laureata in Arti e Scienze dello spettacolo.

 

 

 

Alberto a 12 anni si innamora di salti e acrobazie vedendo Notre Dame in televisione. Impara a farli seguendo i video su you tube. A 16 anni frequenta una scuola di ginnastica acrobatica. Nel 2007 fonda con alcuni amici il Team Vertical Limite, un gruppo di ballerini e acrobati con cui partecipa a spettacoli sempre più importanti. Un infortunio sembra arrestare la sua passione che, invece, riprende con determinazione. Decide di fare l’acrobata a tempo pieno. Partecipa ad alcuni provini ed entra al Notre Dame de Paris, dov’è anche swing, cioè l’acrobata che conosce anche la parte di tutti gli altri.

 

 

E la Ricerca ringrazia con i… risultati

Importante riconoscimento al lavoro di Tes! Il 29 giugno scorso la rivista scientifica internazionale, il Journal of Tissue Engineering and Regenerative Medicine, ha pubblicato un articolo che descrive i risultati del progetto di ricerca realizzato dai ricercatori di Tes e dell’Università di Padova, in collaborazione con i medici del Centro trasfusionale dell’ospedale di Belluno. Questo lavoro definisce le caratteristiche terapeutiche di un innovativo emocomponente, chiamato membrana leuco-fibrino-piastrinica, che viene prodotto dai medici trasfusionisti bellunesi per la terapia rigenerativa della cartilagine articolare. La membrana è un prodotto autologo, realizzato a partire dal sangue dei pazienti, che viene concentrato tramite aferesi nelle sue componenti principali: piastrine, globuli bianchi, fibrina e cellule staminali circolanti. Come abbiamo avuto modo di spiegare già nei numeri precedenti, la ricerca di Tes ha permesso di stabilire che i benefici terapeutici della membrana leuco-fibrino-piastrinica derivano proprio dall’elevato contenuto di tali elementi. Nel dettaglio le piastrine producono delle proteine chiamate fattori di crescita, che svolgono un ruolo fondamentale nella rigenerazione dei tessuti e nella formazione di nuovi vasi che porteranno il sangue al tessuto rigenerato; i globuli bianchi producono delle proteine dette citochine, che regolano lo stato di infiammazione del tessuto danneggiato. La fibrina conferisce alla membrana una struttura resistente, ma elastica ed estremamente manipolabile, che rende questo emocomponente facilmente suturabile sul sito del danno da riparare. Inoltre, la rete di fibrina che costituisce la struttura della membrana permette un rilascio controllato nel tempo delle proteine e delle cellule in essa intrappolate, garantendo un effetto terapeutico prolungato. Alla fine, la membrana va incontro ad un processo di biodegradazione allo scopo di lasciare spazio al nuovo tessuto rigenerato. Infine, è stato dimostrato che nella membrana leuco-fibrino-piastrinica anche le cellule staminali circolanti risultano estremamente concentrate rispetto alle condizioni fisiologiche. Questo facilita enormemente la procedura di estrazione di cellule staminali dal sangue, che acquisisce un ulteriore valore terapeutico come fonte di cellule ad alto potere rigenerativo. Proprio grazie alla consolidata partnership tra Avis, Abvs e la Fondazione Tes, che si occupa di ricerca nel campo della medicina rigenerativa, si è raggiunto questo importante traguardo scientifico. Il lavoro di ricerca contribuisce all’ampliamento delle conoscenze scientifiche sulle potenzialità terapeutiche del sangue, un tessuto dalle risorse inesauribili, che ancora deve essere scoperto in tutto il suo enorme potenziale.

dott.ssa Silvia Barbon, ricercatrice TES

Rovigo: la Giornata del Donatore dei giovani

Nella verde e rilassante cornice del castello di Arquà Polesine, si è svolta il 17 giugno l’iniziativa “Do scarpà in casteo” ideata ed organizzata dal Gruppo Giovani Avis provinciale Rovigo, in occasione della “Giornata del donatore di Sangue”. La manifestazione, accompagnata da musica e giochi per i più piccoli, ha visto il disputarsi di oltre dieci squadre composte da cinque giocatori (di cui una tutta al femminile) e che hanno dato vita ad un entusiasmante torneo di calcio balilla umano. Al primo posto si è classificata la squadra di Avis Frassinelle composta da Fabio, Mattia, Emanuele, Angelo e Luca; il secondo posto è andato alla New di Team dell’Avis di Castelguglielmo formato da Alfredo, Yuri, Michael, Melissa Vadym e Marco; sul terzo gradino sono saliti Riccardo, Lorenzo, Marco, Alberto, Silao, Maria Claudia e Marco. Era presente per l’Avis regionale Veneto il consigliere Renato Russo, mentre l’Avis provinciale di Rovigo era rappresentata dal Direttivo quasi al completo, capitanato dalla presidente Barbara Garbellini che al termine ha ringraziato il Gruppo Giovani, la Pro Loco e l’Amministrazione comunale arquatese, assieme al Centro Servizio Volontariato di Rovigo per i supporti.

Nei Grest estivi fra i giovani, bilancio di un’estate molto intensa

La “versione estiva” del Progetto Scuola Avis Veneto è giunta ormai alla sua quinta edizione, arrivando a definirsi un progetto a se stante chiamato “E-state con Avis”. Le attività proposte all’interno dei Grest e dei Centri Estivi sono quelle che nel corso dell’anno scolastico vengono fatte in classe, ma con qualche cambiamento per adattarsi al contesto. Gli incontri sono sempre condotti da operatori professionisti e utilizzano metodologie coinvolgenti come giochi di gruppo, esercizi di teatro sociale, lettura di fiabe… Nei mesi di giugno e luglio sono stati incontrati circa 1.400 bambini/ragazzi dai 6 ai 13 anni e 100 animatori dai 16 ai 20 anni. Gli incontri totali sono stati 45 e si sono svolti nelle province di Padova, Treviso, Venezia e Verona coinvolgendo, oltre alle Avis provinciali che hanno collaborato nell’organizzazione delle attività, 20 Avis comunali. Con i bambini della scuola primaria (dai 6 agli 10 anni) le attività fatte con maggior frequenza sono state quattro. La prima è la “Pittura creativa” che attraverso la lettura di una fiaba e lo svolgimento di un’attività pittorica, porta i bambini a riflettere sull’importanza del lavoro fatto con gli altri, della forza e della bellezza delle opere collettive, concludendo con un forte messaggio di solidarietà, di cooperazione e impegno attivo. La “Cittadinanza Attiva: Primi Passi”, attraverso l’utilizzo di teatrino e marionette, racconta una storia ricca di sogni e speranze che poi si sviluppa in un’attività di ricerca di percorsi condivisi di cittadinanza attiva, mentre il “Fiabilas Gigante” è un gioco che aiuta a riflettere sugli stili di vita sani e sui comportamenti solidali. I ragazzini delle scuole Secondarie di 1° grado (dagli 11 ai 13 anni) hanno invece partecipato a: “Giocavis”, un gioco a squadre che accompagna i ragazzi in una profonda riflessione sull’importanza dell’aiutare gli altri, del dono e della solidarietà; e al “Teatro Immagine”, un’attività di teatro sociale dove i ragazzi vengono portati a riflettere sui temi della partecipazione, del futuro non come minaccia ma come promessa, dell’impegno attivo nel sociale, dell’altro come ricchezza.

Per informazioni ed approfondimenti: https://www.avisveneto.it/area-scuola/

Ricominciata la scuola e Venezia entra in 1100 famiglie con i diari scolastici di elementari e medie

La Avis entra nelle case dei veneziani con i diari scolastici! Sono 1100 i diari personalizzati dall’Avis distribuiti agli studenti di diverse scuole primarie e secondarie inferiori di Venezia per l’anno 2018/2019. L’Avis lagunare, infatti, ha stretto accordi con alcuni istituti locali per inserire nei diari scolastici, che vengono consegnati a inizio anno a tutti gli alunni, informazioni relative al dono del sangue e all’attività svolta nel territorio da Avis Venezia. In questo modo i ragazzi saranno accompagnati nel loro percorso formativo dalla presenza costante dell’associazione. Non solo: attraverso questi diari entreranno in contatto con il mondo Avis anche fratelli, sorelle, le famiglie degli studenti. L’obiettivo è sensibilizzarle al dono del sangue e stimolare i genitori già donatori ad aumentare la frequenza della donazione. Chi volesse mettersi in contatto con l’associazione per iniziare a donare o partecipare alla vita associativa, troverà tutti recapiti necessari sul retro di copertina dei diari.

Davide Del Negro

Servizio Civile in Avis: in Veneto 18 posti per giovani tra i 18 e 28 anni

È uscito il bando per il Servizio civile in Avis. Un’opportunità unica di crescita e arricchimento personale, umano e professionale per giovani tra i 18 e i 28 anni che vogliano mettersi in gioco nel campo della solidarietà e del sociale.

In Veneto i posti a disposizione sono in totale 18: 2 presso la sede di Avis regionale a Treviso, 2 presso le Avis provinciali di Padova, Rovigo, Treviso, Venezia e Verona, 1 presso le Avis comunali di Chioggia e San Donà di Piave, altri 2 alle Avis comunali di Rovigo e Verona.

Molti i “settori” in cui opereranno i giovani che scelgono il periodo in Avis: dall’accoglienza alla chiamata dei donatori di sangue e plasma, dalla promozione della donazione nelle scuole e tra la popolazione all’organizzazione di eventi, dalla comunicazione (anche presso la redazione del periodico e l’ufficio stampa regionale) alle attività di segreteria, in base alle necessità delle sedi. Sono previste 30 ore settimanali per 12 mesi.

 

Oltre a concrete esperienze di solidarietà, il Servizio civile nazionale (Scn) permette ai ragazzi di partecipare gratuitamente a numerosi corsi di formazione organizzati dall’Avis in collaborazione con partner e co-promotori delle attività sul territorio. Viene, inoltre, riconosciuto da alcune Università in termini di crediti formativi e di tirocinio, e garantisce un rimborso da parte dello Stato pari a 433,80 euro mensili.

Come si diventa volontari di Servizio civile in Avis?

Basta avere un’età compresa tra i 18 e i 28 anni e collegarsi al sito di Avis nazionale www.avis.it, scegliendo nel menù in alto “Unisciti a noi” e poi cliccando su “Servizio civile” fino al bando 2018. Sono indicati i vari progetti, cercare quello del Veneto. Sul sito è disponibile tutta la documentazione da compilare e presentare entro la scadenza del 28 settembre 2018. Una volta iscritti, si parteciperà alle selezioni che terranno conto della valutazione del proprio curriculum e dell’esito di un colloquio con un’apposita commissione. Al termine di questi incontri, una graduatoria decreterà ufficialmente chi potrà svolgere il periodo di Scn in Avis!

Sul prossimo numero di “Dono&Vita” troverete un articolo a riguardo, oltre al manifesto ufficiale della campagna nazionale che ha come testimonial alcuni ragazzi veneti.  Per qualsiasi informazione si può contattare la segreteria di Avis regionale Veneto, in via ospedale 1 a Treviso, con tel. 0422 405088.

(Ufficio stampa Avis Veneto)

Sei donatori in famiglia: gli Umana superano le cento donazioni

Splendido esempio di famiglia avisina nella settimana che celebra la “Giornata del donatore”, giovedì 14 giugno.

A Montebelluna, nel trevigiano, la famiglia Umana ha superato le cento donazioni di sangue e plasma. Sempre con il sorriso, un po’ d’ansia e l’emozione di un gesto tanto semplice quanto importante!

Giuseppe di 59 anni e Giovanna Scandiuzzi di 54, sono donatori Avis dagli anni Ottanta e hanno “trasmesso” la passione per la donazione a tutti e quattro i figli: Matteo di 24, le gemelle Paola e Marta di 23 anni e Andrea di 18.

Al Centro trasfusionale dell’ospedale “San Valentino” di Montebelluna, dove donano abitualmente, la famiglia è stata festeggiata dai dirigenti Avis e dal personale sanitario, quale esempio da seguire in vista della Giornata mondiale del donatore, che si celebra il 14 giugno.

“Una bella testimonianza di quanto l’ambiente familiare sia importante nel trasmettere valori positivi – ha dichiarato Vanda Pradal, presidente dell’Avis provinciale di Treviso che li ha accolti. “I nostri genitori hanno fatto da traino alla nostra scelta di donare, noi a nostra volta a compagni di classe ed amici – spiegano le ragazze.

“L’Avis l’abbiamo poi conosciuta meglio a scuola e ci siamo ancor più convinti – continua Matteo, che ha frequentato l’istituto agrario come le sorelle e il “piccolo” di casa, Andrea, in questo periodo alle prese con la maturità. Tutti più o meno concordi sul perché siano ancora troppo pochi i giovani che scelgono di donare: “serve maggiore informazione, ma anche maggior coraggio da parte dei nostri coetanei. La paura dell’ago è spesso una scusa alla pigrizia di dire sì, lo faccio. Il timore lo abbiamo e lo proviamo ogni volta tutti. Ma si supera, e ciò che si riceve è indescrivibile perché si salva una vita”.

“Queste testimonianze sono il più bel messaggio per la popolazione tutta e la dimostrazione che chiunque, in buona salute, può donare – conclude il presidente dell’Avis regionale Veneto, Giorgio Brunello – questa famiglia e questi ragazzi sono il miglior biglietto da vista dell’intera associazione”.

 

(Michela Rossato- Foto di Beppe Castellano)

Rugby: Memorial “Nicola Prati” domenica 10 giugno con Avis

Si terrà domenica 10 giugno, sui campi di San Pietro in Cariano (Vr), casa del Rugby Club Valpolicella, la quarta edizione del Memorial “Nicola Prati”. Il torneo di rugby Seven è organizzato dal Rugby Club Valpolicella assieme all’Avis nel ricordo di Nicola, ragazzo avisino scomparso nel 2014 che permise l’avvio della partnership tra la società giallorossa e l’associazione dei donatori.

Assieme al club giallorosso saranno direttamente coinvolte nell’organizzazione e nel supporto l’Avis comunale di San Giovanni Lupatoto, l’Avis comunale di San Pietro in Cariano, l’Avis comunale di Verona (70 anni di attività), l’Avis provinciale di Verona (60 anni di attività) e per la prima volta anche Avis regionale (che festeggia, invece, 50 anni) che darà il proprio patrocinio, a testimonianza dell’importanza assunta dal torneo e che, edizione dopo edizione, richiama ad un impegno istituzionale e ufficiale sempre crescente. Quest’anno saranno impegnate le Under 18 e Under 16 di importanti società del panorama ovale italiano.

“Il torneo è anche occasione per rendere partecipi gli atleti e gli accompagnatori circa il bisogno di donare sangue, portando avanti la nostra campagna di sensibilizzazione che trova nel Rugby Club Valpolicella un motore importante – racconta Ezio Aldrighetti, responsabile del rapporto tra il club di San Pietro in Cariano e l’Avis.

“Si è appena conclusa una stagione in cui abbiamo avuto un grande riscontro di partecipazione alle tematiche del dono da parte dei giocatori e degli spettatori, sempre numerosi sugli spalti dello stadio di Via Tofane in occasione delle partite casalinghe del Santamargherita – prosegue Aldrighetti a proposito della stagione della Prima Squadra giallorossa. “Ringraziamo come sempre lo staff dirigenziale che sempre si presta con la massima disponibilità a soddisfare le nostre richieste. Mi auguro di proseguire anche nel prossimo futuro questo proficuo rapporto di collaborazione, augurando fin da subito in bocca al lupo a tutte le formazioni giallorosse”.

Un ringraziamento, infine, per il West Verona del Presidente Mario Ramundo, la cui squadra ha giocato i campionati di C1 e C2 con il logo Avis sulla maglia: “E’ un simbolo di testimonianza e vicinanza per noi molto importante – conclude Aldrighetti.

 

Alberi “avisini” allo Street Marketing Festival di Padova per avvicinare alla donazione

Simpatici “alberi avisini” per avvicinare in modo originale ed insolito i cittadini alla donazione del sangue. Si trovano nell’area dedicata all’Avis allo “Street Marketing Festival” in corso nel centro di Padova fino a domenica 27 maggio. Il Festival è dedicato alle strategie di comunicazione pubbliche con denominatore comune la strada, per sorprendere i consumatori in momenti e luoghi insoliti.

Aperta anche al volontariato, la campagna di comunicazione Avis prevede l’installazione di una foresta di alberi di legno con rami rossi che protendono verso il cielo, richiamando metaforicamente le vene del braccio. Come nelle vene scorre il sangue, nei rami scorre la linfa: gli alberi rappresentano, quindi, un’interpretazione “leggera” e poetica delle vene.

All’inizio della manifestazione l’opera si presenta spoglia, come alberi in inverno. Il pubblico viene invitato a prendere le “foglie” (adesivi che vengono distribuiti in giro per la città), avvicinarsi alla foresta dell’Avis e appenderle ai rami, creando così la chioma dell’albero. Dopo aver donato la foglia all’albero, la persona stessa riceverà un dono. Il piccolo e simbolico premio ricorda l’importanza del gesto del donare. L’iniziativa si inserisce nell’ambito della promozione e organizzazione di campagne di comunicazione sociale, informazione e sensibilizzazione al dono del sangue di Avis regionale Veneto. Accanto alla stampa associativa, al passaparola, all’informazione e promozione nel corso di eventi e alle attività educative nelle scuole (dalla primaria agli Istituti Superiori), negli ultimi anni ha anche investito molto nella formazione dei volontari per l’utilizzo dei nuovi strumenti di comunicazione, al fine di fornire strumenti capaci di avvicinarsi in maniera più immediata ed efficace al mondo giovanile.

In linea con questa tendenza è la partecipazione di Avis Veneto allo Street Marketing Festival (insieme al Coordinamento Giovani regionale Avis, ad Avis provinciale Padova e all’Avis comunale di Padova) che, grazie al contributo dell’illustratrice Martina Tonello, intende avvicinare i cittadini ad Avis con un approccio interattivo ed innovativo.

L’inaugurazione giovedì 24 maggio, con intervento del presidente di Avis regionale Veneto Giorgio Brunello, ha aperto l’area degli alberi, alla quale tutti possono accedere per appendere la propria foglia della solidarietà. M.R.

 

Inizia a Donare per salvare una VitaDona su AvisVeneto.it