Veneto Cup & Kids 2018: prossimo fine settimana gare a Conegliano e Selva di Trissino

 

Siamo arrivato all’ultimo fine settimana da definire “pieno”, un termine usato molte volte in questa stagione ricca di appuntamenti che ora va verso la chiusura. Sabato 1 settembre, con l’Off Track Giovanissimi, a Conegliano si concluderà la Veneto Cup Kids. Un altro degli appuntamenti più noti, in una stagione che ha riservato molte novità di rilievo. Le gare si disputeranno nell’area permanente dedicata in zona industriale Campidui, via Don Felice Benedetti, da vari anni concessa dalla sensibilità dell’Amministrazione Comunale al Conegliano Bike Team che vi ha realizzato una notevole serie di varianti percorso e zone tecniche per gli allenamenti dei giovanissimi e la gara. Il programma prevede ritrovo e verifiche tessera dalle 13.30 alle 15 nell’area gara, appunto in Zona Industriale Campidui a Conegliano. Seguirà la riunione tecnica con le partenze che inizieranno alle 15.30.

Domenica 2 settembre, tutti a Selva di Trissino per la 12a Gnocco Bike Trofeo Moving. E’ la penultima prova Veneto Cup 2018 e una rapida scorsa alle classifiche di categoria dice che poche sono ormai “blindate” mentre per la maggior parte saranno determinanti le prestazioni nelle ultime due gare: questa di Selva di Trissino e la finale del 16 settembre a Torre di Mosto. Team Bike Castelgomberto e Sereno Pellizzaro, annunciano novità sul tracciato della Gnocco Bike  di domenica: si è resa disponibile un’area nelle vicinanze della zona di partenza ed arrivo, dove hanno realizzato un tratto di percorso che sarà così ancora più “a vista” del pubblico. Il programma di giornata inizierà alle 7.30 con le consuete verifiche. Due le partenze, alle 9.30 Agonisti e Master, a seguire verso le 11.30 il secondo start per le giovanili.

A due prove dal termine e con la Veneto Cup Kids che conclude, è ora di annunciare l’evento delle premiazioni finali di stagione, che sarà ospitato come nelle ultime edizioni da Banca Prealpi nell’Auditorium della sede centrale a Tarzo. L’appuntamento per premiati, società ed appassionati è per il pomeriggio di sabato 6 ottobre.

Seguici su Facebook   https://www.facebook.com/Venetocup/

Info, classifiche e foto su www.trevisomtb.it

Comitato organizzatore Veneto Cup

Veneto Cup: i Team Campioni Veneto Relay 2018 e il prossimo appuntamento il 5 agosto a Sospirolo

A pochi giorni dallo splendido oro europeo della staffetta Italia, Team Macro in collaborazione con i gestori del Rock Drop Bike Park di San Zenone degli Ezzelini, hanno riproposto la terza edizione del Team Relay valido anche quest’anno come Campionato Regionale di specialità e per i punti classifica squadre della Veneto Cup.

Gara ben rodata e ben riuscita, nell’ambientazione della villa cinquecentesca dove è ubicato il Bike Park. Dal gran caldo di questo fine settimana durante le gare i partecipanti hanno potuto poi ristorarsi nell’accogliente struttura con i suoi spazi di architettura storica, ristrutturati  simpaticamente “vintage”.

In gara 1 i Team Giovanili: inizia con un duello tra Pedale Feltrino e Cube Crazy Victoria Bike in prima frazione, continua con l’allungo progressivo del Focus XC Italy Team che prende progressivamente vantaggio fino ad aggiudicarsi nettamente gara e titolo regionale, davanti allo stesso Pedale Feltrino che porta sul podio entrambe le formazioni schierate.

Il copione si ripete in gara 2, Team Master: prima frazione a stretto contatto per Bike Pro Action e Cube Crazy Victoria Bike, da lì in poi Bike Pro Action incrementa cambio dopo cambio  un vantaggio rassicurante e conferma il titolo Master davanti alla stessa Cube Crazy Victoria Bike e alla squadra ospitante, Team Macro.

Team Macro che sta attivamente preparando il prossimo evento: tutti invitati al 1° Grappa Gravity Games Eliminator del 19 agosto. Non facciamoci ingannare dal nome: sarà un Eliminator “normale”, ospitato in un altro Bike Park da cui il nome, si chiama appunto Grappa Gravity Games Bike Park  e si trova in località Cassanego di Borso del Grappa. La data è un recupero della manifestazione inizialmente prevista a maggio e rinviata al 19 agosto. Per info http://www.team-macro.org/

Pochi giorni, e siamo già al prossimo appuntamento: domenica 5 agosto tutti pronti per il 6° XC Sospirolo, organizzazione del Bettini Bike Team, sarà Campionato Provinciale XC Belluno oltre che, naturalmente, Veneto Cup. L’evento ricalcherà l’edizione precedente, con logistica, partenza e arrivo in fondovalle, presso gli Impianti Sportivi “Cicci Vigne” in località Prà Cappello e un tracciato filante, tutto da pedalare.

Ritrovo e verifiche presso gli impianti sportivi appena citati,  dalle 7.30 alle 8.30. Seguirà riunione tecnica e le due partenze: la prima per tutte le categorie Master e agonisti alle 9.30, seguirà verso le 11.30 il secondo start dedicato alle giovanili su percorso più breve.

Per le iscrizioni tempo fino a Venerdì 3 agosto su “FCI Fattore K” con ID gara 143272 mentre per le squadre degli Enti è attiva la consueta mail iscrizionigara@trevisomtb.it

Ricordiamo anche l’avviso già diramato giorni fa dal Bettini Bike Team per la prova XCo di Sospirolo: si chiede ai partecipanti di non provare il percorso dato che i permessi di transito riguardano solo il giorno gara, considerando anche che le caratteristiche del tracciato, molto filante senza tratti tecnici significativi, non richiedono lo studio dei passaggi previlegiando la condizione atletica.

Comitato organizzatore Veneto Cup

Rugby protagonista al “Memorial Nicola Prati”

È sempre emozionante, per il suo carico di significati e valori, l’appuntamento annuale con il “Memorial Nicola Prati”, tornato a giugno agli impianti sportivi di San Pietro Incariano (Verona). Organizzato sotto l’aspetto tecnico/sportivo dal Rugby Club Valpolicella, di cui Avis provinciale Verona è partner da sei anni, ha visto nel tempo anche la collaborazione dei Avis regionale Veneto e comunale Verona.

L’intento, come per le passate edizioni, è stato quello di coinvolgere formazioni under 16 e under 18 di società sportive del Triveneto, con i relativi accompagnatori e famiglie, per divulgare i valori dello sport e del volontariato del sangue.

In questa edizione, per cause indipendenti dagli organizzatori Avis, la manifestazione non è stata inserita nel calendario degli avvenimenti di spicco promulgati dal Comitato Veneto Rugby. Ciò ha comportato la totale assenza delle squadre under 18, focalizzandosi su squadre under 16 dell’ambito territoriale adiacente alla provincia di Verona.

La giornata si è svolta comunque al meglio, tra momenti di gioco agonistico, svago, chiacchierate con ragazzi e accompagnatori.

Al termine si sono svolte le premiazioni, presentate dal presidente di Rugby Club Valpolicella e dal referente Avis Ezio Aldrighetti.

I trofei sono stati consegnati ai giocatori dalla mamma di Nicola Prati, prematuramente scomparso e al quale è dedicato il torneo.

 

 

Veneto Cup & Kids: a Conegliano si impongono Adaos e Lirussi, brillano Specia e Mazzucco

Veneto Cup 2018: a Conegliano ancora vittorie per Franco Adaos ed Anna Lirussi, brillano Giada Specia e Loris Mazzucco

Calda, divertente, impegnativa, l’ottava prova della Veneto Cup, con cui Avis collabora

Conegliano e la sua società non si smentiscono, la giornata di gara è sempre di buon livello, agonistico come organizzativo, caratterizzato in gran parte delle edizioni (e questa non ha fatto eccezione) da un caldo che mette a dura prova i partecipanti insieme a percorsi ben tarati e una logistica particolarmente qualificante. Lo rende più evidente il commento a caldo del vincitore, Franco Adaos che appena dopo l’arrivo dice più o meno “una gara veramente divertente dove trovi tutto quello che è mountainbike: fatica nelle salite dure, tratti tecnici, fasi di gruppo e la possibilità di un attacco. Un percorso duro ma bello e nello stesso tempo divertente”. Riportato sommariamente a memoria è una buona sintesi della giornata di Conegliano.

Parte presto, anche in considerazione delle temperature calde attese e puntualmente arrivate gara 1, prima delle 9. La testa la prende subito il favorito M3, Nicola Terrin che fa il vuoto e continuerà fino allo stop per rottura catena. Poco dietro è Marco Agricola il migliore a “reggere il passo”, che taglia il primo traguardo di giornata vincendo la M3, davanti ad Alessandro Zandegiacomo che non ha mai mollato il passo dei primi, ed Emiliano Zara. Tra di loro si è presto “infilato” Antonio Tasca, che raggiunge l’ennesimo traguardo come vincitore M4 di buona misura davanti ai “duellanti” Massimiliano Dionisi e Francesco Bellato. La M5 è di nuovo “preda” del gagliardo Gianfranco Mariuzzo, sul sempre consistente Flavio Zoppas. M6 particolarmente in vista in questa giornata: prestazione di rilievo per Roberto Morandin che per staccare il rivale di tutta la stagione, Moreno Dal Bianco, raggiunge tutti  della categoria precedente in una progressione veramente importante. Sul podio M6 con loro, permettete una menzione, il coordinatore della Veneto Cup, Flavio Furlanetto, che quando riesce ancora ad allenarsi tra i mille impegni di mettere insieme tutto questo, riesce a prendersi ancora qualche bella soddisfazione, tipo questa del podio. Parentesi: a tenere insieme tutto l’ambaradan della Veneto Cup & Kids siamo in tre: l’appena citato Flavio, che ne è il promotore, Giuseppe Fiorito che cura classifiche e segreteria di questa e millanta eventi, e che da un po’ ha rispolverato la sua MTB x non dimenticarsi di come si fatica. Rimango io, che scrivo e fotografo con la mia MTB che avrebbe le ragnatele se non mi ricordassi di toglierle ogni tanto x rimetterla al suo posto, appena ripulita e la panza che cresce, va bè, fine della parentesi. Ancora due traguardi per gara 1: il primo è di Fabrizio Stefani che si conferma miglior M7 ed Enrica Furlan alla sua miglior prestazione come MasterWoman.

Ricco il parterre di gara 2, le categorie giovanili qui sono di casa per il particolare interesse della Società come di molte tra le altre partecipanti e del campionato.

E’ un terzetto di Allievi 2 a prendere la testa, duellando a lungo per i 3 giri programmati: Candeago che prende l’iniziativa seguito da Vazzola e Capoia. Lo spunto finale nelle ultime fasi è quello di Gianni Vazzola che si impone su Alberto Capoia ed Andrea Candeago. Tra i primo anno è Fabrizio Perin a dettare il passo dall’inizio, vincendo di stretta misura su Carlo Penzo mentre Samuele Mazzucco completa il podio.

Assolo tra le ragazze allieve per Camilla Cassol, che vince e pensa già ai prossimi impegni importanti, la seguono sul podio Marta Zini ed Erica Campagna.

Finisce in volata la gara esordienti secondo anno: Gabriele Mazzucco coglie una incertezza di Mattia Marini e lo batte sul filo di lana, terza piazza per Nicolò Callegaro che giustamente esulta anche lui per il risultato.

Si risolve in volata anche la prova degli esordienti primo anno, lo spunto è di Francesco Schiavinato che regola di poco Alex Buoso, sul podio con loro Kevin Ruaro.

Tra le ragazze esordienti la vittoria più bella per la Società Organizzatrice: Elena Tomasella nasce qui e mette in campo la determinazione che è la sua dote più evidente a chi segue, per imporsi nettamente sul campo partecipanti davanti a una sempre ottima Denise Faiola ed a Camilla Fontana.

La giornata, partita avvedutamente presto, si fa sempre più calda per le categorie “maggiori” con il “clou” finale di gara 3. In testa, nei primi giri il gruppetto dei pronosticati, all’attacco i migliori under Lorenzo Dal Piva in testa e gli altri appena dietro. Dirà a fine gara il vincitore Franco Adaos: “la gara mi è sembrata divertente perché si passa gran parte in gruppo e gran parte del percorso è sul tecnico e divertente. È organizzata bene. La dedico al mio papà che è il giorno del papà in Cile e alla gente che crede in me. Sono partito a controllare la corsa poi ho lasciato gli altri imporre il loro ritmo per vedere chi poteva reagire, ho provato a rivedere chi stava bene e ho trovato un buco quando gli altri hanno atteso troppo a reagire e ne ho approfittato per andarmene fino al traguardo” ed è andata proprio così: dopo i primi giri il gruppo si è sgranato sotto l’azione di Franco Adaos, che come 2 domeniche fa ai Laghetti della Val Lapisina si è involato verso il successo. Tra gli inseguitori a Conegliano chi ha “tenuto” di più è Marco Ticcò, secondo sul traguardo. Poco dietro di lui la volata per il successo under 23 e la terza piazza assoluta è di Eddy Zordan che ha anticipato nelle ultime curve Lorenzo Dal Piva e lo ha preceduto sul traguardo. Podio elìte completato dalla costanza di Andrea Dei Tos quello under da analogo atteggiamento di Alex Da Canal, tutti con distacchi contenuti.

La gara junior è vissuta dell’attacco iniziale di Simone Pederiva, continuata con la progressione di Loris Mazzucco che raggiunge Lorenzo Faoro, partito a ruota di Pederiva.  Insieme, prendono la testa e vantaggio. Allungo nelle fasi finali per il successo di Loris Mazzucco, sullo stesso Faoro mentre la terza piazza è di Andrea Taffarel protagonista di una prova in crescendo.

Brilla, nella femminile la stella di Giada Specia, la junior, nazionale e capolista degli Internazionali d’Italia detta un passo fuori portata dalle avversarie e conclude vincente di categoria sui 3 giri, davanti alla compagna Gaia Pagotto e ad Arianna Tavella. Proseguono le open, guidate nella prima tornata da Noemi Pilat, ma la progressione “giusta” è di Anna Lirussi che si aggiudica l’assoluta finale sulla stessa Pilat ed Elisa Rigo, nel dopo gara Lirussi dichiara: “lo start oggi è scattato alle 11.45 e il caldo si è fatto ben sentire! Nel tracciato si alternavano salite e discese abbastanza veloci che lo rendevano bello e divertente. Quattro erano le tornate, ho cercato di gestire la gara nel migliore dei modi, cercando di bere il più possibile per prevenire possibili crampi. Voglio dedicare la vittoria al mio team, in modo particolare a coloro che ogni domenica, soleggiata o piovosa che sia, ci garantiscono la presenza in area tecnica”

Primo a tagliare il traguardo tra i master e vincente M1 è il plurititolato Ivan Zulian. Si aggiudicano rispettivamente la Master Elìte e la M2 Matteo Bonazza e Nicola Solimeno in una serie di arrivi con distacchi resi significativi dal percorso impegnativo unito alla temperatura che ha aggiunto un “quid” in più di fatica.

Questo giugno riserva ancora una prova che si è guadagnata l’appellativo di “classica”, prima di un periodo di pausa nel campionato. Appuntamento la prossima domenica 24 a Valdobbiadene con il Mionetto Trophy, senza dimenticare i Kids che si ritroveranno sabato 23 pomeriggio a Torre di Mosto per il Trofeo Tergas.

Comitato organizzatore Veneto Cup

Seguici su Facebook   https://www.facebook.com/Venetocup/  Info, classifiche e foto su www.trevisomtb.it

Veneto Cup & Kids con Avis: a Valdobbiadene Adaos e Medvedeva

Veneto Cup & Kids 2018: a Valdobbiadene la conferma il 24 giugno di Franco Adaos e il ritorno di Vera Medvedeva

Mionetto Trophy al ventunesimo “atto”, la gara di Valdobbiadene conferma, e non c’erano dubbi, la sua caratteristica di grande selettività nel tracciato classico quanto impegnativo.

Gara 1 parte alle 9.30, e la scrematura inizia quasi subito: poche centinaia di metri e si affronta una ripida cementata che porta su, verso il Monte Cesen, seguita da altra salita e i valori emergono. Al primo passaggio, nell’abitato di Ron prima del traguardo, la coppia di testa formata da Franco Adaos e Domenico Valerio ha già un vantaggio significativo sul gruppetto degli inseguitori composto da Dimitri Medvedev, Lorenzo Dal Piva, Andrea Dei Tos ed Eddy Zordan. La gara sembra procedere su questi binari e sarà così fino alla tornata finale. La coppia di testa “regge” e si presenta appaiata per una volata lunga sul rettilineo finale. Il guizzo decisivo è di Franco Adaos che conferma così il suo ottimo stato di forma che lo ha portato a numerosi successi nell’ultimo periodo, questo è il più significativo e sofferto davanti a un ottimo Domenico Valerio. Nel finale anche il gruppetto inseguitore si sfila, sotto l’azione determinata di Dimitri Medvedev che raggiunge solitario la terza piazza riducendo nettamente il distacco dal duo di testa. Lo seguono appena sfilati Lorenzo Dal Piva, miglior under 23 e in crescita di forma ed Eddy Zordan che accumula altri punti per la classifica di categoria, seguono Andrea Dei Tos e il terzo Under, Alberto Lenzi.

Nella femminile un altro assolo per Vera Medvedeva, mai in discussione il suo primato davanti alla costante Anna Lirussi, completa il podio open Catia Carretta. Brillante prestazione per la miglior Junior femminile, Arianna Tavella che realizza il terzo tempo assoluto con il primato di categoria. Con lei sul podio ju/f Antonia Berto ed Alessia Nespolo.

Una coppia, stavolta di compagni di squadra, guida tra gli juniores al maschile. Sono Giacomo Chiumenti e Ramon Vantaggiato, reduce dalla brillante prestazione ai Campionati Italiani Team Relay di ieri in Val Casies dove la giovanissima staffetta dei Velociraptors, composta da 4 junior, due ragazzi: Vantaggiato e Martinuzzi, due ragazze: Specia e Pagotto  e l’anche lui giovane elìte Ticcò, ha raggiunto la terza posizione del podio assoluto. Tornando ad oggi, va via la coppia seguita dal convincente Loris Mazzucco in serie positiva. Nell’ultimo giro prende vantaggio per la vittoria Ramon Vantaggiato che chiude davanti a Chiumenti e Mazzucco.

Nella masterwoman si attendeva un duello tra Alessandra Teso e Chiara Selva, con quest’ultima favorita sulla distanza breve del cross country. Brillante, dopo numerose affermazioni nella lunga distanza Marathon e GranFondo Alessandra Teso vince con ampio margine su Enrica Furlan ed Alessia Santarossa mentre Chiara Selva, molto attardata da una foratura nella prima tornata, conclude per onor di firma scendendo per una volta dal podio.

Vittoria di buon margine tra i Master Elìte per Matteo Bonazza su Ivo da Ros e Riccardo Tomasi. Spunto finale tra gli M1 per Christian Toffoli che regola di poco Endes Lorenzon. Netti successi tra gli M2 per Nicola Solimeno e tra gli M3 per Mauro Zanier. Più “tirato” il vantaggio di Antonio Tasca che vince la M4 su un positivo Francesco Bellato.

Finale all’insegna della sportività tra gli M5: Gianfranco Mariuzzo, sempre in testa, fora nel finale e spinge i suoi (tanti) cavalli con la posteriore a terra nel rettilineo conclusivo. Flavio Zoppas, l’avversario di sempre, arriva forte e potrebbe concretamente tentare il guizzo finale ma  preferisce rispettare andamento gara e avversario accompagnandolo negli ultimi metri, primo Mariuzzo, secondo Zoppas. Ennesima “cavalcata” di stagione per Moreno Bianco che si aggiudica la M6 su Roberto Morandin. Ancora successo M7 per Fabrizio Stefani, che ha dovuto tenere a bada fino all’ultimo Gianpietro Garofolin.

Alla prova anche i ragazzi e le ragazze in gara 2. Attenti a non strafare gli Allievi 2° anno per una volta non cercano la selezione immediata, va via un gruppetto di 4. Prende un po’ di margine e vince alla fine ancora Gianni Vazzola, di stretta misura su Andrea Candeago e un po’ di più su Giulio Penzo. Più netto il margine di Samuele Mazzucco che si impone con autorità tra i primo anno davanti a Gerardo Artusato e Giulio Rusalen.

Un giro prima si era conclusa la gara esordienti con due vittorie di buon margine: Gabriele Mazzucco si impone tra i secondo anno su Thomas Serena e Mattia Marini. Alex Buoso vince tra i primo anno davanti a Kevin Ruaro e Andrea Sist.

Due giri anche per le ragazze allieve: chiara vittoria per Marta Zini nei confronti di Margherita Vello e Vittoria Pietrovito. Giro secco ed un altro successo per Elena Tomasella tra le ragazze esordienti, la impegnano e salgono sul podio con lei nell’ordine Matilde Turina e Denise Faiola.

Sabato 23 a Torre di Mosto successo per il Trofeo Tergas, Veneto Cup Kids che si è disputato con le ennesime varianti di percorso, come sempre apprezzate dai partecipanti, nel Bike Park dedicato ai più giovani dai Velociraptors.

Dopo tanti appuntamenti concentrati si apre un mese di pausa per la Veneto Cup (in collaborazione con Avis) che riprenderà il 29 luglio con il Rock Drop Bike Park Team Relay a San Zenone degli Ezzelini, organizzato dal Team Macro e valido per la classifica a squadre. Continuano i Kids che si ritroveranno già domenica primo luglio a Sant’Antonio Tortal  per il Trofeo Brent de l’Art organizzato dal Bettini Bike Team.

 

Comitato organizzatore Veneto Cup

 

 

Ragazzi in festa a Santorso con Veneto Cup & Kids

Veneto Cup & Kids 2018: a Santorso con Avis 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sabato 9 giugno 2018 si è svolto presso il parco del grumo a Santorso, l’ottava edizione del Meeting giovanile di MTB, organizzata dalla Bikers For Ever con la collaborazione di Avis comunale di Schio Altovicentino (Vi).

Un centinaio di ragazzi provenienti da tutto il Veneto e dal Trentino ha dato vita ad una bellissima giornata di spot e amicizia.

Alla fine della manifestazione il presidente dell’Avis, Giulio Fabbri, ha premiato tutti i ragazzi presenti con un bellissimo trofeo, per la gioia di questi piccoli atleti.

Veneto Cup & Kids 2018: ai Laghetti Blu vincono Adaos e Marchet

Veneto Cup & Kids 2018: Franco Adaos e Giorgia Marchet vincono ai Laghetti Blu della Val Lapisina 

Lunghissima e riuscita giornata per quasi 700 protagonisti tra i “grandi” e i più giovani in un ambiente incantevole.

E’ stata un’altra giornata di quelle che ci si ricorda in positivo,

domenica 3 giugno nel piccolo parco dei Laghetti Blu della Val Lapisina. Il riunire tutte le componenti del “circus” Veneto Cup & Kids in un evento durato dal mattino presto alla sera, con spazio per tutti è una ennesima “sfida” organizzativa raccolta e portata avanti al meglio da Cube Crazy Victoria Bike con la collaborazione di ViviBike e Val Lapisina Iniziative, premiati da una partecipazione che è andata ben oltre le aspettative.  Poco meno di 700 gli atleti in tutto, difficile anche contarli, tante le società, famiglie e appassionati. Il meteo ci ha messo del suo: intensi anche se passeggeri accquazzoni nei giorni scorsi, brillantemente assorbiti dal terreno con sottofondo di ghiaia grossa, molto drenante che richiedeva solo in aggiunta un maggior contenuto tecnico “di guida” sui single track nel bosco, il sole pieno e l’arietta fresca del mattino nella valle, l’erba fresca del parco dove passare tra gli abeti le ore prima e dopo la gara per tutti i partecipanti e gli accompagnatori.

Parte alle 9.30 gara 1: sono 5 i giri per gli Open, a scalare di percorrenza x gli altri. La prima tornata è di attacco per Simone Segat e Marco Ticcò, che provano a sfilare il gruppetto dei migliori prendendo qualche decina di metri di vantaggio. Nel secondo giro i protagonisti sono di nuovo compatti. Da lì in poi, grossomodo a metà gara, inizia l’azione di Adaos Alvarez Franco Nicholas che al microfono dell’intervista finale dichiara di aver atteso un po’ a prendere l’iniziativa per valutare la condizione e prendere le misure degli avversari. La seconda parte di gara è un assolo dell’atleta cileno del KTM Torre Bike, seguito a breve da un Enrico Franzoi che sa ben gestirsi in senso generale, considerando tutti i fattori con la nota classe ed esperienza. Dietro di loro si confrontano i migliori under 23: ancora una volta è Eddy Zordan in costante crescita ad emergere con la terza piazza assoluta dietro ai 2 appena citati e il primato tra i giovani. Il podio assoluto sarà composto da Franco Adaos, Enrico Franzoi e appunto Eddy Zordan. Quello elìte ancora da Franco Adaos, Enrico Franzoi e Marco Ticcò, quello Under da Eddy Zordan, Alberto Lenzi ed Alex Da Canal.

Ampiamente da pronostico la gara femminile: Giorgia Marchet va via da sola, da subito e non lascia spazio nemmeno a piccoli inconvenienti di percorso che la rallentano appena un pochino. Vince su una sempre consistente Sara Casasola e su Noemi Pilat. Ragazze giovani, non solo veloci, ma “brave” nel senso più normale e sincero del termine: appena finito di correre per il podio una va a seguire i giovanissimi della sua ex società, una pensa a studiare x la “matura”, una si “sciroppa” come staffetta il pre e il post della gara Kids.

Giorgia Marchet dice: “Oggi è stata una bellissima giornata! Percorso davvero fantastico, molto divertente e insidioso grazie alle radici e le rocce  rese bagnate dai giorni precedenti. Molto contenta della prestazione: alla mattina in riscaldamento non mi sentivo al top però poi dopo la sgasata in partenza ho preso il mio passo e sono andata via. Sono fiduciosa per domenica prossima quando ci saranno gli internazionali d’Italia a Teramo! Questa vittoria la dedico a mio papà che oltre a essere il mio compagno di allenamento mi aiuta e mi sopporta sempre in ogni situazione.”

E’ quasi un “must” che la gara junior maschile sia tra quelle più incerte e combattute, domenica dopo domenica, ai Laghetti non si è fatta eccezione. Il trio dei protagonisti da podio è quello delle classifiche: nell’ordine di arrivo Simone Tacconi, Simone Pederiva e Loris Mazzucco, ma non dice tutto sull’andamento della gara. Il confronto sembra inizialmente tra Tacconi e Pederiva, lo sarà anche alla fine, ma i distacchi variano sia per qualche scivolata più o meno innocua nei tratti più insidiosi, sia per l’intensità dello sforzo. Tra i 3 Mazzucco è il più costante, sempre lì e si riaffaccia ai “piani alti” della difficile categoria dopo i tanti exploits nelle giovanili. Finisce proprio in volata: questa ai Laghetti si decide un po’ prima del traguardo che è posto appena dopo un paio di curve ghiaiose e chi “prende” la miglior traiettoria sull’allungo precedente è difficilmente battuto. Così finisce, per pochi centimetri al secondo posto la rimonta di Pederiva su Tacconi che si aggiudica la gara, una ventina abbondante di secondi e il terzo gradino  è per Mazzucco.

Simone Tacconi: “la gara è stata dura, abbastanza sezioni tecniche sia in salita sia in discesa … bisognava darsi da fare in alcuni punti per sorpassare ma alla fine è andato tutto per il meglio (nonostante 2 cadute di catena e una scivolata in curva). La salita era molta e quasi tutta nella prima parte, quindi bisognava dosare per bene lo sforzo. Sono molto contento della mia prestazione, vedo che i miglioramenti stanno arrivando rispetto alla stagione scorsa. Dedico questa vittoria alla mia squadra, il Merida Italia Team, e anche alla mia famiglia, che è sempre disponibile nel portarmi a tutte le gare che decidiamo di fare.”

Conferma tra le junior donne per Maria Zarantonello, di misura su Arianna Tavella e un po’ più in là Antonia Berto. Maria Zarantonello: “Il percorso era bello, salite dure e discese tutte da guidare che tra l’altro erano rese ancora più tecniche dalle radici bagnate. Si, sono contenta della mia prestazione, dopo domenica scorsa mi sembra che la gamba sia tornata e le sensazioni erano buone in vista della prossima tappa degli Internazionali a Pineto. La mia vittoria la dedico sicuramente alla squadra, alla mia famiglia, ma soprattutto a mio papà che mi sostiene e mi sopporta ogni domenica.”

Un ottimo parterre di partenza nella MasterWoman, il podio è significativo, di qualità :  Chiara Selva prende il comando a suo modo e non lo lascerà più, la seguono Nicole Guidolin ed Alessandra Teso, tre donne efficaci nell’azione e ampiamente titolate.

Una volata decide la categoria Master Elìte, se la aggiudica Luca Fabris su Matteo Bonazza. Tra gli M1 invece, il nazionale triathlon Mattia De Paoli ha evidentemente ben smaltito la fatica di organizzare domenica scorsa il campionato regionale XCo, oggi vince netto e conferma il suo valore. Netta vittoria anche tra gli M2, Andrea Tonel atleta vittoriese anche se in maglia extra-regionale conferma il suo valore e si impone, senza discussioni. Pochi dubbi anche tra gli M3, dove vince Nicola Terrin e nemmeno per lui è una novità, come per Antonio Tasca tra gli M4 e Gianfranco Mariuzzo tra gli M5, per Moreno Bianco tra gli M6 e Fabrizio Stefani tra gli M7. Il tracciato di oggi è per tutti loro una conferma di quanto si sa dei valori in campo.

Parte gara 2: categorie giovanili ed è da subito un atleta che spicca: Eric Mendo prende il comando tra gli allievi secondo anno incrementando il vantaggio fino all’affermazione netta su Andrea Candeago e Luca Vuerich. E’ un’altra volata invece che definisce il primato allievi 1, forse la più “tirata” di giornata:   la spunta Carlo Penzo di pochissimo su Fabrizio Perin, mentre arriva poi per il restante gradino del podio, Samuele Mazzucco.

Anche tra le ragazze allieve una gara tutta di testa ed una vittoria chiara è quella di Camilla Cassol, si impen di buona misura davanti a Margherita Vello e Marta Zini.

Esordienti: sui due giri del percorso tra i secondo anno vince di misura Gabriele Mazzucco su Thomas Serena e più in là Christian Brini. Tra i primo anno a spuntarla è Andrea Sist davanti a Daniel Bidese e Simone Bean.

Le ragazze più giovani competono sul giro secco, i distacchi sono ridotti ma è la determinazione ( ben nota) di Elena Tomasella a prevalere su  Chiara Pontari e Arianna Rosso. Un dato personale di chi scrive: ragazze, scusate, capita raramente ma la batteria della fotocamera ha avuto un brusco calo proprio quando passavate voi e il pulsante non scattava più finchè non la ho cambiata, ma ormai eravate passate.

Fine gara, premiazioni e tutto il pomeriggio fino a quasi ora di cena dedicato ai Kids. Quasi trecento contando anche i PG e la promozionale nel simpatico e vario percorso attorno ai Laghetti, con anche un po’ di radici e passaggi non banali per le categorie dai G4 in su. E’ il nostro futuro ed è stata come sempre una festa nella festa.

La domenica dei Laghetti si è conclusa, ma il Giugno della Veneto Cup & Kids sarà il mese più intenso.

Il prossimo appuntamento è già sabato prossimo 9/6 a Santorso, nel già ben noto parco del Grumo per i Kids, ospiti ancora una volta i Bikers 4 Ever per il Trofeo Avis. Domenica 10 invece i “grandi” si confronteranno a Salgareda nel Cross Country del Piave. Ce n’è per tutti i gusti, vi aspettiamo allegri e numerosi come sempre.

Comitato organizzatore Veneto Cup

Seguici su Facebook   https://www.facebook.com/Venetocup/

Info, classifiche e foto su www.trevisomtb.it

Rugby: Memorial “Nicola Prati” domenica 10 giugno con Avis

Si terrà domenica 10 giugno, sui campi di San Pietro in Cariano (Vr), casa del Rugby Club Valpolicella, la quarta edizione del Memorial “Nicola Prati”. Il torneo di rugby Seven è organizzato dal Rugby Club Valpolicella assieme all’Avis nel ricordo di Nicola, ragazzo avisino scomparso nel 2014 che permise l’avvio della partnership tra la società giallorossa e l’associazione dei donatori.

Assieme al club giallorosso saranno direttamente coinvolte nell’organizzazione e nel supporto l’Avis comunale di San Giovanni Lupatoto, l’Avis comunale di San Pietro in Cariano, l’Avis comunale di Verona (70 anni di attività), l’Avis provinciale di Verona (60 anni di attività) e per la prima volta anche Avis regionale (che festeggia, invece, 50 anni) che darà il proprio patrocinio, a testimonianza dell’importanza assunta dal torneo e che, edizione dopo edizione, richiama ad un impegno istituzionale e ufficiale sempre crescente. Quest’anno saranno impegnate le Under 18 e Under 16 di importanti società del panorama ovale italiano.

“Il torneo è anche occasione per rendere partecipi gli atleti e gli accompagnatori circa il bisogno di donare sangue, portando avanti la nostra campagna di sensibilizzazione che trova nel Rugby Club Valpolicella un motore importante – racconta Ezio Aldrighetti, responsabile del rapporto tra il club di San Pietro in Cariano e l’Avis.

“Si è appena conclusa una stagione in cui abbiamo avuto un grande riscontro di partecipazione alle tematiche del dono da parte dei giocatori e degli spettatori, sempre numerosi sugli spalti dello stadio di Via Tofane in occasione delle partite casalinghe del Santamargherita – prosegue Aldrighetti a proposito della stagione della Prima Squadra giallorossa. “Ringraziamo come sempre lo staff dirigenziale che sempre si presta con la massima disponibilità a soddisfare le nostre richieste. Mi auguro di proseguire anche nel prossimo futuro questo proficuo rapporto di collaborazione, augurando fin da subito in bocca al lupo a tutte le formazioni giallorosse”.

Un ringraziamento, infine, per il West Verona del Presidente Mario Ramundo, la cui squadra ha giocato i campionati di C1 e C2 con il logo Avis sulla maglia: “E’ un simbolo di testimonianza e vicinanza per noi molto importante – conclude Aldrighetti.

 

Una festa di sport e solidarietà a Mirano il 5 maggio con Avis, Telethon, Artisti TV, giornalisti-calciatori e “vecchie glorie”

È stato il “rosso Avis” a colorare la giornata di sport e solidarietà di Mirano di sabato 5 maggio. In occasione della “Partita del Cuore” a favore di Telethon – triangolare di calcio amatoriale fra la Nazionale Artisti TV (con tanti volti noti della televisione), Mirano Dream Team (vecchie glorie della Miranese Calcio) e TVPressing (giornalisti di Treviso e Venezia) – questi ultimi sono scesi in campo sfoggiando la maglia ufficiale del 50° di Avis regionale. Ma non solo loro.

Innumerevoli anche i volontari Avis di Mirano (presenti con due gazebo ricchi di gadget) vestiti Avis e anche chi ha voluto indossare la maglietta rossa fra il pubblico. Non mancava, naturalmente lo stand Telethon con i “biscotti del cuore”, in occasione della settimana che precede la Festa della mamma. Questo era, infatti, il fine della manifestazione: raccogliere fondi per la ricerca scientifica sulle malattie rare e genetiche. Come ha sottolineato Giorgio Gobbo per Avis regionale, la collaborazione fra Avis e Telethon dura ormai da più di 15 anni. Così come quella fra Avis Veneto e TVPressing, i cui giocatori-giornalisti portano da sempre il logo avisino sulle maglie.

Straordinario pomeriggio di sport e festa, insomma, preceduto dal mini triangolare dei “piccoli calci”, i calciatori in erba delle Polisportive miranesi. A fare gli onori di casa l’assessore allo sport di Mirano Cristian Zara (coach delle “vecchie glorie”) e Stefano Tigani per Telethon (mister-giocatore degli Artisti TV). A rappresentare Avis Provinciale di Venezia la Vice presidente Gianna Moras e per Avis Mirano, naturalmente, il presidente Giuliano Casotto con la sua vice Laura Zanardo.

La squadra “targata Avis”, per raccontar della parte agonistica, ce l’ha messa tutta per non perdere e… ci è riuscita. Guidati dal capitano Tiziano Graziottin de “Il Gazzettino”, i giornalisti hanno prima pareggiato 2 a 2 con la Miranese, poi hanno fermato sul risultato a “occhiali” (0-0) la rappresentativa Artisti. Il doppio pareggio è valso loro il secondo posto nel mini-torneo che ha visto prevalere i padroni di casa di Mirano che hanno battuto gli Artisti per 2 a 1 nell’ultimo incontro.

Al di là del risultato sul campo, però, la giornata ha raggiunto il suo vero traguardo dando visibilità mediatica alla solidarietà e al volontariato sotto diversi aspetti. Dalla raccolta di fondi per la ricerca, alla raccolta di sangue e plasma, sempre più necessaria in provincia di Venezia e in tutto il Veneto.

Va “de pressa2”

 

Ugo Conti tricolore

Numerosi i volti noti, in campo e a bordo campo, come l’attore Ugo Conti che non si è sottratto, come i suoi colleghi, ai selfie con i presenti (soprattutto bambini). Non è mancato un suo gustoso “siparietto”. Dopo aver discusso con il nostro direttore responsabile sulle prestazioni del “mezzo”, Conti ha fatto anche un giro dello stadio con lo scooter elettrico sventolando assieme la bandiera tricolore e quella di Avis regionale Veneto. Ugo… Eccezzziunale veramente!

Volley e Basket: a Treviso “Dono&Sport” con centinaia di donatori sulle gradinate

Un pubblico record delle grandi occasioni al Palaverde di Villorba (Tv) per la prima delle due giornate “Dono& Sport” organizzate dall’Avis provinciale di Treviso. Oltre 700 donatori hanno sostenuto – tra i 5mila tifosi sugli spalti – la squadra del cuore, l’Imoco Volley, nonostante la caduta in casa.

Quella di domenica 25 febbraio è stata una giornata di festa, divertimento e solidarietà per sensibilizzare al dono del sangue. Sul parquet, per la 20a giornata di regolar season di volley A1, le Pantere dell’Imoco hanno sfidato la formazione fiorentina Savino Dal Bene Scandicci.

Il pubblico è stato accolto all’ingresso dall’arco gonfiabile Avis e dai palloncini con i colori delle squadre. All’interno del palazzetto i volontari del gruppo giovani ed eventi dell’Avis provinciale sono stati impegnati a distribuire gadget e fornire informazioni sul dono del sangue.

Le Pantere, grazie alla disponibilità della società, hanno indossato la maglia Avis all’ingresso in campo. Sugli spalti le centinaia di donatori che avevano ricevuto il biglietto omaggio dall’Avis. I volontari da novembre e sino allo scorso 18 febbraio erano stati omaggiati di due biglietti, uno per sé e l’altro per un accompagnatore, con la speranza di avvicinarlo alla donazione.

L’evento “Dono&Sport” si ripeterà domenica 11 marzo, per la 24^ giornata di campionato A2 di pallacanestro maschile, quando la Tvb (Universo Treviso Basket) sempre a Villorba scenderà in campo contro gli emiliani della Kleb Basket Ferrara.
Imoco, Tvb e Avis hanno siglato da tempo un patto: considerare lo sport come occasione di aggregazione per contribuire alla tutela della salute e alla promozione di corretti stili di vita, soprattutto tra i giovani. La collaborazione nasce per incentivare l’avvicinamento del mondo giovanile alla donazione del sangue e all’Associazione, facendo leva sull’attrazione che lo sport esercita soprattutto nel territorio trevigiano.

«Quest’iniziativa dell’Avis rappresenta una finestra sul mondo della donazione di sangue e conferma che lo sport può essere un importante veicolo di valori. La partecipazione e l’entusiasmo dei nostri donatori è cresciuta edizione dopo edizione, oggi siamo alla quartaspiega Vanda Pradal, presidente dell’Avis provinciale di Treviso. Vogliamo sollecitare i nostri soci al dono costante e invitare chi ancora non è donatore a diventarlo. Nella Marca trevigiana i donatori Avis sono circa 33mila. E’ necessario averne di piùconclude la presidente per assicurare il ricambio generazionale e non far mai mancare il sangue alle strutture ospedaliere».

 

 

Si ringrazia il Press Office dell’Avis provinciale di Treviso e l’Ufficio stampa dell’Imoco Volley/Simone Fregonese e Michele Gregolin per le foto. 

Inizia a Donare per salvare una VitaDona su AvisVeneto.it