Poliambulatorio nelle Marche del sisma: ad aprile la posa della prima pietra

La notizia, tanto attesa, è finalmente arrivata: ad aprile 2018 sarà posata la prima pietra del nuovo poliambulatorio di Arquata del Tronto (Ap). Individuato e ripulito dalle macerie il luogo in cui sorgerà, passato l’inverno con il suo gran freddo, inizieranno i lavori. Emozionato, l’ha annunciato il presidente dell’Avis provinciale di Ascoli Piceno, Berardino Lauretani, nel corso della serata organizzata il 15 dicembre dalla Casa di cura “Giovanni XXIII” di Monastier (Tv) e che ha visto la consegna di altri 5mila euro al progetto sanitario nelle Marche, colpite dal terremoto del 2016.

 

Un altro, fondamentale tassello di una collaborazione che da due anni vede insieme la “Giovanni XXIII”, Avis Veneto e Avis Marche per la realizzazione di un poliambulatorio in una zona duramente colpita dal sisma, dove la popolazione si è ritrovata in pochi attimi senza casa e senza alcun punto di riferimento, anche sanitario. Il più vicino, dopo la distruzione di Amatrice, è ad Ascoli Piceno. Un territorio ferito, come drammaticamente ricordato da un video, in aiuto del quale è partita subito la solidarietà trevigiana e veneta. Di Avis Veneto e Casa di Cura, e di tante donne che sottoponendosi a mammografie  e analisi diagnostiche alla “Giovanni XXIII”, hanno contribuito al progetto. Che ora diventerà realtà.

La nuova struttura sarà composta da quattro ambulatori e sarà l’unico punto di riferimento sanitario per migliaia di persone tra abitanti e turisti che, pian pianino, stanno tornando a visitare i parchi della zona, in particolare quelli dei Monti Sibillini e dei Monti della Laga.  La Casa di Cura, che già ha inviato un defibrillatore al medico del paese, Italo Paolini (collegatosi in diretta durante la consegna dell’assegno, il terzo da 5 mila euro), ha annunciato che si occuperà anche dell’arredamento di uno o più ambulatori e che un suo cardiologo si è reso disponibile per un aiuto, mensile e volontario, alla popolazione di Arquata.

Nel frattempo, la raccolta fondi continua, sempre tramite Avis regionale Veneto. Alla serata erano presenti, oltre a Lauretani, anche il presidente dell’Avis regionale Veneto Giorgio Brunello, il consigliere di Avis nazionale Gino Foffano e il consigliere dell’Avis provinciale trevigiana Bernardino Spaliviero e la redazione centrale del nostro periodico “Dono & Vita”, che ad ogni numero tiene aggiornati i lettori e i donatori sull’intero progetto. A consegnare l’assegno Gabriele Geretto, amministratore delegato della “Giovanni XXIII”.

 

 

Concordia sulla Secchia: rinata la sede di raccolta (provvisoria)

Il taglio del nastro della sede

L’invito che avevamo ricevuto parlava di inaugurazione della sede provvisoria della sezione comunale, ma la prima scena cui abbiamo assistito, appena giunti a Concordia sulla Secchia, è stata la demolizione di un’abitazione dichiarata inagibile per le gravi lesione subite durante il terremoto.

La delegazione veneziana, costituita dall’Avis Provinciale di Venezia, con in testa il presidente Maurizio Borsetto, dall’Avis di Musile di Piave e da un folto gruppo (Avis, altre associazioni ed esponenti dell’Amministrazione comunale) di Concordia Sagittaria, comune gemellato con Concordia sulla Secchia, si è trovata tra il dolore e le lacrime di chi vedeva la propria casa rasa al suolo e la festa per l’inaugurazione della struttura provvisoria di raccolta dell’Avis. Si veniva così a concretizzare quel “CE LA FAREMO” che campeggiava nella sede provvisoria del Comune e che avevamo visto in occasione della nostra prima visita a Concordia sulla Secchia, nei giorni seguenti il terremoto.

Il senso di precarietà in cui ancora vive la popolazione di Concordia sulla Secchia era particolarmente tangibile nella tensostruttura adibita a chiesa dal parroco don Franco Tonini, dove si è celebrata la Santa messa, e nel silenzio che neanche la Filarmonica cittadina è riuscita a far dissolvere del tutto durante la sfilata lungo le vie cittadine, prima del rituale taglio del nastro.

Concordia per... Concordia

In un contesto tanto difficile” ha dichiarato Enrico Benetti, giovane presidente Avis di Concordia sulla Secchia, “lo sforzo per dotarsi di una sede provvisoria di raccolta è stato notevole. Non ci sono stati fatti sconti, e la struttura rispetta tutte le stringenti norme sanitarie per la raccolta del sangue. Siamo quindi orgogliosi di quanto abbiamo fatto, e tutto ciò lo dovevamo ai nostri donatori che, pur nella difficoltà, non hanno mai smesso di pensare a chi ha bisogno di loro. Se questo piccolo miracolo è stato possibile, una parte del merito va anche all’Avis Provinciale di Venezia, che ci è stata vicina con un generoso contributo, e a tante Avis sparse su tutto il territorio nazionale, tra cui quella di Concordia Sagittaria alla quale ci unisce un patto di gemellaggio siglato nel 2005”.

A sigillo di questa importante giornata, lo striscione “Concordia x Concordia” che è stato collocato nella nuova struttura di raccolta, a simboleggiare un legame che non si dissolve e che, come l’arcobaleno, colora il cielo plumbeo dopo ogni temporale.

5 Avis trevigiane pro Emilia. Consegnato un assegno a Poggio Renatico

Avis comunali insieme per aiutare l’Emilia. Dopo il successo riscontrato con il concerto dei “Gambler “ il 23 giugno, le Avis di Casale sul Sile, Casier, Mogliano Veneto, Preganziol e Villorba hanno dato un’ulteriore prova della loro capacità di fare squadra portando nel cuore dell’Emilia ferita dal terremoto, una testimonianza di solidarietà e sostegno nei confronti della popolazione. I fondi raccolti durante la manifestazione sono stati, infatti, destinati all’Avis di Poggio Renatico (Fe), la cui sede è stata resa inagibile dal sisma. Oltre a quanto ricavato in occasione del concerto, le cinque Avis trevigiane hanno deciso di destinarvi una quota aggiuntiva dei propri fondi. La cerimonia di consegna della donazione all’Avis emiliana si è svolta domenica 2 settembre, preceduta da un breve giro del centro cittadino e seguita da un semplice momento conviviale, che voleva essere anche un modo per dimostrare a volontà di ripartire della popolazione locale. All’evento ha partecipato anche l’Avis di Prata di Pordenone, gemellata con l’Avis comunale di Ferrara, per rinsaldare uno spirito di fraternità che unisce tre diverse regioni.

 

 

Concordia per Concordia. Cena di beneficenza a favore delle vittime del terremoto

La solidarietà chiama e Concordia risponde: sono stati quasi 900 i cittadini che, lunedì 11 giugno, hanno risposto all’appello della cena di beneficenza organizzata dall’Amministrazione Comunale, dalla Parrocchia e dalle Associazioni di Volontariato a favore delle popolazioni vittime del terremoto del 20 maggio che ha colpito in modo particolarmente grave l’Emilia.

La cena di beneficenza è stata solo il primo segnale, organizzato sull’onda della commozione per le notizie tragiche provenienti dalle zone colpite dal terremoto, ma non vuole rimanere un gesto isolato. Siamo infatti consapevoli che il nostro aiuto sarà necessario soprattutto quando si avvierà la macchina della ricostruzione. Tuttavia la risposta dei concordiesi è stata un messaggio forte di solidarietà, per certi versi anche superiore alle attese.

Una delegazione di Concordia Sagittaria a Concordia sulla Secchia il 7 giugno scorso

Tutti i fondi raccolti con questa e altre iniziative verranno destinati a soddisfare bisogni concreti manifestati direttamente dalle popolazioni colpite dal sisma. Su questo fronte Concordia Sagittaria è agevolata dal gemellaggio che la lega a livello amministrativo, parrocchiale e associativo con Concordia sulla Secchia.

In particolare le due Avis sono legate da un patto di gemellaggio fin dal 2005 e da allora non sono mancate le occasioni di condivisione di momenti felici e di impegni associativi: se ci sono strutture che neppure un terremoto può distruggere, questi sono i ponti di solidarietà che si costruiscono con il gemellaggio.

Con la cena di beneficenza sono stati raccolti 7.755 euro e il primo aiuto offerto alla comunità di Concordia sulla Secchia è stato la fornitura di due pc portatili per consentire al sindaco Carlo Marchini di operare dalla struttura provvisoria realizzata per sopperire all’inagibilità del palazzo comunale.

“Ce la faremo” recita lo striscione esposto in questa struttura di servizio … e ci piace pensare che in questo “Noi” siano comprese anche l’Avis e la popolazione di Concordia Sagittaria che non lascerà soli i tanti amici emiliani.

Dario Piccolo

Quegli uomini in rosso, angeli dell’emergenza

Nel campo dei Vigili del Fuoco

Il terremoto è una guerra contro un nemico invisibile. E il presidio dei vigili del fuoco è come un fortino in mezzo al disastro. Il “Comando Operativo Modena San Prospero” è uno dei due comandi che coordinano il lavoro determinante, essenziale, dei vigili del fuoco sui luoghi del sisma. Un fortino quasi inespugnabile visto che noi veniamo respinti, senza perdite, al primo assalto. Poi, individuato l’accesso, senza formalità, possiamo farci un’idea del grande lavoro che stanno svolgendo i pompieri in questa zona.

“Siamo trecento unità provenienti da tutta Italia – ci spiega l’ing. Giuseppe Merendino il vice comandante del C.o.a. (Comando operativo avanzato) dentro la sua baracca-ufficio, dove ci dedica qualche minuto del suo preziosissimo tempo – e ci occupiamo della nostra zona di competenza. Operiamo dalle 6 alle 22 con diversi turni, solo ed esclusivamente in attività legate al sisma. Gli uomini che arrivano dai comandi e distaccamenti da tutta Italia, rimangono in media otto giorni. Poi ci sono le eccezioni, come il sottoscritto che non vede la famiglia a Ragusa da quindici giorni. Comunque, nel dettaglio operiamo nell’assistenza e soccorso alla popolazione, recupero beni storici e artistici, messa in sicurezza degli edifici, controllo edifici pubblici e civili, viabilità”.

Tra questi interventi, che sono stati moltissimi, quali i più delicati? “Sicuramente quelli relativi alle demolizioni e al recupero dei beni artistici, quadri, statue, opere d’arte. Per non parlare, poi, di quelli alle persone che hanno riguardato la prima parte degli interventi, la prima emergenza. Ricordo il recupero di un anziano, rimasto seppellito  dal crollo del suo condominio a Cavezzo”. Durante la conversazione veniamo interrotti tre volte da telefonate varie di richieste di interventi o informazioni: “Particolarmente delicato è stato l’intervento al Palazzo vescovile di Carpi oppure il recupero di masserizie nell’azienda Cavicchioli, dove abbiamo speso tante energie fisiche e anche nervose”.

E la guerra contro il nemico invisibile quale il sisma, si combatte con gente come i vigili del fuoco, armati di passione, competenza, coraggio e responsabilità.

Gabriele Zanchin

Davanti alla tendopoli operativa dei VV.FF.

E l’Abruzzo abbracciò l’Emilia

Il "Campo Abruzzo" a Cavezzo

Trecento persone nelle tende all’interno del campo, altre 200 in tende-igloo a ridosso del Palazzetto dello sport, centinaia in piccole “tendopoli” allestite qua e là nel paese, nei giardini e lungo le strade. A Cavezzo entrare in casa è ancora un miraggio. Al campo gestito dalla Protezione civile dell’Abruzzo arriviamo a mezzogiorno, mentre una lunga e ordinata fila ci dice che si sta distribuendo il pasto. Accanto, in una grande tensostruttura, molti bambini stanno giocando. Ce ne sono 40 nelle tende, ma altri 60 arrivano dai paesi vicini. All’ingresso del campo, tre tende ospitano la distribuzione di generi di prima necessità, dal sapone alle scarpe, agli indumenti.

Giampiero Antonetti, responsabile del campo, ci accoglie nell’ufficio-mobile che ripara solo un po’ dall’afa e dal sole. Quasi intuendo il nostro collegamento mentale tra questo in Emilia e il loro sisma di tre anni fa, ci dice subito che l’esperienza del terremoto non è facile da vivere, ma che alla tendopoli la situazione è tranquilla. “Sarà che qui non c’è quasi bisogno di psicologi perché lo siamo già noi, che ci siamo passati e capiamo quello che stanno provando queste persone – ci dice – che lo sentono e ci ringraziano per il sorriso, la parola che sappiamo dare. I due terremoti sono stati per alcuni aspetti diversi: da noi più “concentrato” logisticamente, qui più ampio, a L’Aquila ha dato un duro colpo alla storia, qui più all’economia, ma sono identici la paura, il senso di smarrimento e di insicurezza in chi lo vive ed è fondamentale avere un giusto approccio psicologico con gli sfollati”. Che vivono un dramma che non ha confini.

Il Centro operativo mobile

I volontari abruzzesi impegnati in ogni tipo di attività sono 100 e 40 i mezzi. Tra loro anche donatori di sangue abruzzesi, come Raffaele Vivio. Fuori dal campo incontriamo un gruppo di giovani tecnici provenienti da L’Aquila. Sono ingegneri e geologi che nei Comuni colpiti eseguono rilievi in abitazioni e catalogazioni. Abruzzo ed Emilia due facce della stessa medaglia? “Ci sembra una faccia sola – spiegano – noi abbiamo ricevuto e riceviamo tanta solidarietà da tutta Italia e così, ora che c’è bisogno, cerchiamo di dare a nostra volta un contributo anche se, a dire il vero, abbiamo ancora anche noi tanto bisogno di una mano”. Anche per L’Aquila, infatti, i tempi del ritorno alla normalità sono ancora lontani nonostante le tante promesse di tre anni fa.

Michela Rossato

Un giorno nella ‘bassa’ che trema, ma resiste

di MIchela Rossato

Fra Concordia e Mirandola

“Avevo l’impressione di essere su una barca, con il mare agitato, e di non riuscire a scendere. Una sensazione strana, di impotenza, che mai avrei immaginato di dover provare ancora altre dieci, venti volte, e chissà per quanto tempo ancora”. È un fiume in piena il giovanotto che incontriamo, scendendo dall’auto,  davanti alla sede dell’Avis provinciale di Modena. Sono le dieci del mattino dell’11 giugno ed è iniziato da qui il nostro, seppur parziale, “viaggio” nella terra emiliana colpita dal sisma. Una lunga sequenza di scosse, che dal 20 maggio non dà tregua a migliaia di abitanti. “Si vive con una paura tremenda addosso, che si fa molto pesante soprattutto di notte – continua il ragazzo – io dormo in tenda dalla prima scossa, come tante altre persone e non credo di riuscire a tornare a casa finché la terra non deciderà di stare ferma”.

Ci viene incontro il responsabile della Protezione civile dell’Avis regionale Emilia Romagna, Gianni Benincasa, che ci farà da guida tra campi e volontari.Non prima di aver incontrato il presidente dell’Avis provinciale modenese, Maurizio Ferrari, che sta coordinando da settimane una situazione difficile, ma sotto controllo. Mappa alla

Volontari Avis al lavoro

mano, è desolante il quadro che ci presenta: nella zona colpita dal terremoto, 12 sedi sulle 14 totali che svolgono servizio di raccolta del sangue, sono dichiarate inagibili. Funzionano solo quelle di Soliera e San Possidonio. Per le altre sono previsti tempi di “riapertura” compresi tra i 12 e 18 mesi, e quindi si stanno trovando soluzioni alternative, come il temporaneo trasferimento dell’attività in autoemoteche, in arrivo da Torino e Bari, oltre che da altre zone d’Italia. Stessa sorte, per motivi di sicurezza, per la donazione delle piastrine, trasferita dal Policlinico di Modena al Centro di raccolta dell’Avis provinciale, che visitiamo e dove i donatori come sempre non mancano. Benincasa ci spiega che gli sfollati sono 16mila, che sono arrivati e stanno arrivando volontari da tutta Italia, instancabili.

Subito dopo ci mettiamo in auto alla volta del Centro provinciale della Protezione civile, alle porte di Modena. Il Centro è perfettamente organizzato, sia per il coordinamento degli aiuti, sia della raccolta del materiale da smistare nei vari Comuni. Un camion di bottiglie d’acqua è appena arrivato da Ragusa, grazie alla generosità di una ditta privata e dell’Avis, due tensostrutture sono arrivate da Avis della provincia di Cremona, altro materiale da Avis di Abruzzo e Basilicata. Bastano pochi minuti per rendersi conto della grande forza dell’Italia (anche avisina), da nord a sud, nello stringersi attorno a chi ha bisogno. E i volontari avisini li troviamo anche nelle cucine, intenti a preparare il pranzo per tutti i volontari.

La seconda tappa del nostro viaggio è il Campo dei Vigili del Fuoco che a centinaia, dal giorno della prima scossa, si danno il turno per mettere in sicurezza gli edifici e aiutare la popolazione. Loro il compito di delimitare in ogni paese la cosiddetta “zona rossa”, la più pericolosa. Alle 12 raggiungiamo la tendopoli di Cavezzo e quando leggiamo il nome, ci viene un tuffo al cuore: “Campo Protezione civile Abruzzo”. È proprio a ridosso del Palasport e della sede Avis, inagibili. Impossibile non tornare con il pensiero all’altro terribile sisma, a L’Aquila e dintorni. Dopo la visita al campo e al paese di Cavezzo, particolarmente “ferito”, raggiungiamo San Possidonio dove a colpirci è la chiesa, che non potrà più ospitare alcuna messa. Ci dicono che su 43 chiese totali della diocesi di Carpi, ben 40 sono danneggiate seriamente.

Ci rimettiamo in macchina. Per tutto il pomeriggio, in campagna e lungo le vie dei paesi che attraversiamo, ci sono tende e roulotte ovunque, nei giardini, nei parchi e nei campi sportivi. Da San Prospero a Mirandola (con un campo tende di 475 persone di dieci etnie diverse, gestito dalla Protezione civile del Friuli V.G.) a San Felice sul Panaro, (con campi gestiti da Veneto e Trentino), a Concordia sulla Secchia (dove troviamo i campi della Protezione civile di Lazio e Toscana), è un ripetersi di immagini, danni e silenzio, tanto silenzio. Una sensazione surreale che ci ha accompagnato per tutto il tempo, senza mai lasciarci. La terra, intanto, continua a tremare. Non trema, per fortuna, quando il direttore si infila con una scusa in zona rossa a Concordia e gira l’angolo, nikon al collo, per documentare la realtà. Torna dopo pochi, lunghi minuti, abbondantemente sgridato dalla vigilanza. Con sé ha, tra le altre, la foto di copertina del numero di giugno. È la torre della caserma dei Carabinieri in “Via della Resistenza”. Negli occhi e nelle orecchie porta la desolazione dell’assordante silenzio del deserto in zona rossa. Sulla via del ritorno, dopo aver salutato e lasciato Benincasa ai suoi tanti impegni di questi giorni d’emergenza, passiamo per il basso Mantovano e il Polesine, “vicini di casa” dell’Emilia ferita e feriti a loro volta, anche se per fortuna in modo decisamente più lieve.

Continua

Quando dove si faceva sport non si gioca più…

Tendopoli a Cavezzo

Un destino cinico e beffardo quello che coinvolge i luoghi di sport, campi da calcio, stadi, palazzetti quando succedono tragedie sociali e naturali. I luoghi che hanno esaltato la vita diventano improvvisamente altari di morte o sofferenza. Lo abbiamo purtroppo verificato nei luoghi colpiti dal sisma in Emilia di questi giorni, ma che è solo una propaggine di quello che ci riserva la storia. Da un punto di vista sociale, negli anni ’70 ad esempio, il dittatore cileno Pinochet rinchiudeva i prigionieri politici e li torturava all’intero dello stadio di Santiago del Cile. E che drammatiche immagine quelle delle lapidazioni che i talebani organizzavano allo stadio di Kabul davanti a migliaia di uomini…

Ma sono gli eventi naturali a vedere ancor più interessati questi luoghi dove solitamente si esaltano la vita ed i giovani. L’immagine va negli States con l’uragano “Katrina” ed i tanti sfollati che hanno trovato spazio ed accoglienza all’ntero degli immensi palazzetti dello sport trasformati in grandi dormitori. Ma l’immagine va anche alla nostra Italia ed allo stadio del rugby de L’Aquila trasformato in tendopoli per la prima emergenza e che ora fortunatamente ha ripreso la sua abituale funzione di tempio dello sport.

Palasport e "canadesi"

E quelle immagini purtroppo si ripetono anche ai giorni nostri nel sisma che ha colpito l’Emilia Romagna. A Cavezzo vicino Modena, il piazzale antistante il palazzetto dello sport, reso inagibile dal sisma, è stato trasformato in tendopoli così come l’adiacente campo sportivo, gestito proprio dalla protezione Civile dell’Abruzzo. Lo stadio del calcio sempre di Cavezzo è aperto tutto il giorno e la notte perché negli spiazzi dell’impianto, ci sono tende e camper che si servono dei servizi igienci dello stadio e poi centro di raccolta “Caritas”. E così anche a Mirandola ed altri centri colpiti da questa catastrofe naturale. E se una tenda piantata in un giardino pubblico  colpisce, rattrista, quella piantata in un campo sportivo purtroppo dà l’idea concreta della catastrofe.

Gabriele Zanchin

Come contribuire ad aiutare

Ficarolo, Rovigo

La prima scossa del 20 maggio, concentrata più sul ferrarese, ha lambito anche alcuni centri del nostro alto Polesine. Il 29, invece, con quella più disastrosa nel modenese, danni si sono registrati anche in alcuni comuni del Mantovano. In particolare fra Lombardia e Veneto sono state interessate chiese, vecchi rustici e patrimonio culturale. Qui accanto, per esempio, la chiesa di Ficarolo il cui tetto, come in quella di Occhiobello, è stato seriamente danneggiato. Molti meno i danni al resto delle costruzioni, gli “sfollati” veneti sono in tutto una quarantina – ci hanno detto in zona – e nessuno è in condizioni critiche. Nessuno, insomma, dorme in tenda.

L’Avis regionale Veneto, su proposta della Provinciale Rovigo, ha istituito il 5 giugno una sottoscrizione per il Polesine: Avis Regionale Veneto – pro terremoto – Banca Antonveneta – IBAN: IT38J0504012003000000256224.Avis regionale Emilia Romagna e Avis Lombardia e nazionale insieme hanno aperto a sostegno delle sedi colpite, già all’indomani della prima scossa, il seguente c/c: Banca Popolare dell’Emilia-Romagna IBAN: IT71X0538702403000002059627.

San Possidonio, Modena

Nel silenzio post terremoto, scrivere per raccontare

 

Concordia

Con la foto qui sopra – scattata l’11 giugno a Concordia sulla Secchia (Modena) – tentiamo solo di renderlo visivamente, il silenzio. È il cimitero del paese, distrutto. Ci è sembrato irreale il silenzio, lì nella “bassa” modenese colpita dal sisma del 20 e 29 maggio scorsi. Lo si “sente” (sì, lo si può ascoltare il silenzio) anche nelle strade aperte al traffico, anche dove i bambini giocano ancora, anche nelle code per il pranzo del “Campo Abruzzo”. E anche quando parlano con te, gli emiliani del cratere sismico, li percepisci continuamente in ascolto. Delle tue parole, certo, ma soprattutto delle vibrazioni o del rombo sordo con cui il terreno comunica le sue intenzioni, momento per momento.

Una casa a Cavezzo

Perché qui ormai occorre essere pronti ad “ascoltare”, attraverso le suole delle scarpe o le gambe delle sedie, ciò che questa terra finora generosa vuol fare della tua vita e del tuo paese. Parlano con i sensi continuamente all’erta lì a Cavezzo come a Mirandola, a Concordia come a San Felice sul Panaro, all’Avis di Modena come a San Possidonio. Ti sorridono, nonostante tutto. Ti sorridono e ti parlano, perché sei lì con loro, non per “sciacallaggio mediatico”, ma per documentare la realtà di ciò che è, di ciò che è stato e di ciò che può ancora accadere. Per raccontarlo ad altri volontari, semplicemente, senza cercare lo “scoop” a tutti i costi. E “ascoltando il silenzio” assieme a chi la notte dorme ancora con la famiglia nella tenda “quequa” o nella roulotte piazzata nel giardino della casa pur agibile, percepisci anche qualcosa che va ben oltre la paura. È l’orgoglio di essere “quelli della bassa”, quelli duri, quelli che non mollano, quelli che – certo – sanno piangere, ma non son capaci di compiangersi.

Subito dopo la prima “botta” che colpisce duro alcuni centri della “bassa” ferrarere-modenese (20 maggio, ore 4,04), l’Avis Emilia-Romagna inizia a far la conta dei danni. Per quanto riguarda le sedi-Centri di raccolta si segnalano problemi a Bondeno, Mirandola, Finale Emilia, San Felice sul Panaro, Ferrara, Mirabello, Poggio Renatico, Cento. Quattro giorni dopo tutta l’Assemblea nazionale Avis a Montecatini Terme abbraccia i “fratelli di sangue” emiliani. Sette i morti del 20, tutti nel ferrarese, nella scossa di magnitudo 5,8 che ha lambito di striscio anche a nord del Po, fra il mantovano e il polesine. Ma il peggio deve ancora arrivare.

Una seconda forte scossa “gemella” colpisce ancor più duramente una ventina di centri della provincia di Modena il 29 maggio alle 9,04. La terra non risparmia niente e nessuno: capannoni, chiese, centri storici, case, scuole e… sedi Avis. I morti salgono ancora: 27 in totale, centinaia i feriti, 17mila gli sfollati e incalcolabili i “semi sfollati”. Sono coloro che, con la terra che trema 30-40 volte nelle 24 ore, ancor oggi durante la notte non si fidano più della propria casa, pur agibile. Si intensifica e si allarga l’immensa catena di solidarietà, anche avisina, già scattata il 20 maggio.

Giornale avisino, dalle Avis abbiamo iniziato per raccontare alcune storie fra le mille che si dipanano in occasioni simili. Come per L’Aquila 2009, la redazione è andata sul posto per documentare e informare, stavolta “rinforzata” da un collega del Gazzettino. Come in Abruzzo abbiamo sentito parlare cento idiomi diversi: il respiro dell’Italia! Quella reale. Un Paese che in solidarietà è sempre Uno e indiviso.

.

Nella sezione “Speciale terremoto Emilia”  le cronache di “un giorno nella Bassa” di Michela Rossato e Gabriele Zanchin ed altri articoli.

Beppe Castellano


Inizia a Donare per salvare una VitaDona su AvisVeneto.it