Calo raccolta, penuria di medici, flessibilità orari alla 47ª Assemblea regionale sabato 21 a Peschiera

Criticità della raccolta sangue e maggiore flessibilità da parte delle strutture sanitarie, riforma del Terzo Settore e nuovo ruolo del volontariato al centro dell’assemblea di sabato 21 aprile a Peschiera del Garda

 Andamento della raccolta di sangue, orari delle strutture sanitarie più adeguati alle necessità dei donatori, iniziative per coinvolgere i giovani. Criticità e novità della più grande associazione di volontariato del Veneto saranno al centro dell’assemblea regionale dell’Avis, sabato 21 aprile a Peschiera del Garda (Vr).

Oltre 300 rappresentanti delle Avis provinciali e dell’Abvs (Belluno) e degli oltre 130mila donatori di sangue, plasma e piastrine veneti, si confronteranno sull’attuale situazione trasfusionale regionale per invertire una tendenza che sta preoccupando l’associazione: il calo delle donazioni. Calo significa mettere a rischio la sanità veneta, soprattutto in un momento in cui crescono interventi d’eccellenza e trapianti.

“Sulla maggiore flessibilità degli orari delle strutture sanitarie per la donazione, in particolare punteremo una forte attenzione e le richieste dell’associazione– preannuncia il presidente dell’Avis Veneto, Giorgio Brunello. Dati, numeri, dettagli e iniziative saranno resi noti nel corso dell’assemblea di sabato.  Sarà affrontato anche il tema della riforma del Terzo Settore e del nuovo ruolo del volontariato veneto nei servizi ai cittadini: Avis sta facendo la sua parte.

L’assemblea si terrà per tutta la giornata all’Hotel Golf club hotel Paradiso di Peschiera del Garda.

Inizia a Donare per salvare una VitaDona su AvisVeneto.it