Quando le avisine donano… in Rosa. Bassano e la donazione interassociativa

Bella iniziativa a Bassano da parte delle tre Associazioni del dono del sangue. In 36 hanno risposto con un sorriso e il braccio teso alla prima edizione del “Rosa day”, la giornata organizzata da Avis, Rds (Reparto donatori sangue-ANA) e Fidas di Bassano del Grappa dedicata alla donazione delle donne. In maglia rosa le avisine, in rosso le colleghe, per tutta la mattinata del 1° giugno si sono alternate ai lettini del Centro Trasfusionale dell’ospedale San Bassiano, creando un bel colpo d’occhio.

“Un modo per sottolineare il valore della donna nella nostra società – hanno spiegato i dirigenti delle due associazioni – e per ringraziarla di quanto si spende anche per il prossimo”. “Pur limitate a due donazioni l’anno, le nuove iscritte sono quasi la metà del totale dei nostri donatori – ha spiegato il presidente dell’Avis bassanese, Giuseppe Sciessere – e questo è un dato molto significativo sul loro impegno”. All’iniziativa hanno aderito anche ragazze molto giovani, grazie al passaparola e all’esempio di familiari o amici. “È giusto aiutare chi ha bisogno, farlo tutte insieme per una volta, è ancora più bello”. Il 25 novembre, giornata nazionale contro la violenza sulle donne, è prevista la seconda edizione. “Una data proposta da una donatrice e che troviamo quanto mai adatta – ha concluso il presidente dell’Avis provinciale di Vicenza, Marco Gianesini, in maglia bianca con logo – tanto che pensiamo già di darle un respiro più ampio, con donne che donano in contemporanea in tutti i Ct del territorio vicentino”. E perché no anche in tutto il Veneto?

Inizia a Donare per salvare una VitaDona su AvisVeneto.it