Passaggio consegne alla Consulta giovani. Tornano le Avisiadi a settembre

Dono e Vita
Sara Iob Francesco Marchionni
Sara Iob e Francesco Marchionni

Passaggio di testimone alla Consulta Giovani di Avis nazionale. La coordinatrice nazionale Sara Iob, 23 enne friulana eletta nel 2013, ha lasciato l’incarico per nuovi impegni di lavoro. A guidare la Consulta fino alle prossime elezioni, nel settembre del 2017, sarà Francesco Marchionni, di Aprilia (Latina) già componente della Consulta stessa (per l’Area Lazio).

Un avvicendamento veloce e che di fatto non cambia molto, perché Sara continuerà a dare una mano. “Siamo abituati a lavorare sempre in squadra e tutti insieme”, hanno spiegato entrambi in un’intervista al nostro periodico a margine dell’assemblea di Avis nazionale.Per ora la Consulta (di cui fanno parte anche i due giovani veneti Federico Marangoni e Kevin Costa, del veronese) sta lavorando ad alcuni importanti eventi. Prevista infatti tutta una serie di iniziative per festeggiare con idee innovative e originali il 90° di fondazione dell’Avis nazionale che cadrà nel 2017: “perché non diventi un semplice traguardo, ma un passaggio, una nuova partenza per il rilancio della nostra grande Associazione”.

Avisiadi2010
Avisiadi2010 – Sulmona
Avisiadi2006
Avisiadi2006 – Sportilia
Avisiadi2006:2
Avisiadi 2006
Avisiadi2006:3
Avisiadi 2006
Avisiadi2006:1
formazione Veneto – Avisiadi 2006

Uno degli avvenimenti, vero è proprio “prologo” del 90°, sarà l’organizzazione delle Avisiadi 2016. Si svolgeranno a Milano, che le ospiterà grazie alla vittoria della rappresentativa del giovani della Lombardia nell’ultima edizione del 2010 (foto) svoltasi a Sulmona. Fu infatti l’Abruzzo, nel 2006 prima edizione delle “Avisiadi moderne” (altre due edizioni si erano svolte all’inizio degli anni ’90) ad aggiudicarsi i giochi nell’anno degli ultimi Mondiali di Calcio vinti dall’Italia a Sportilia (Forlì-Cesena). Pubblichiamo alcune immagini dell’epoca con la nostra rappresentativa Veneta che, pur sparuta e unica formata al 50% da ragazze, si comportò con onore. A rinforzarla nel torneo di calcetto furono chiamati addirittura un lombardo (il neo addetto stampa di Avis nazionale Filippo Cavazza) e un ragazzo “prestato” dalla Calabria.

Michela Rossato – Foto Beppe Castellano

 

Inizia a Donare per salvare una VitaDona su AvisVeneto.it